Cerca

1ª CATEGORIA

Francesco Cardinali, quando al cuor non si comanda

Il giocatore del Città di Anagni ci spiega i motivi che lo hanno spinto a lasciare l'Eccellenza per venire ad indossare la maglia della sua città in Prima Categoria

07 Marzo 2016

Francesco Cardinali con la maglia del Città di Anagni foto©Anna Ammanniti

Francesco Cardinali con la maglia del Città di Anagni foto©Anna Ammanniti

Ci sono ragioni che vanno oltre i soldi, la voglia di vincere, la gloria. A volte basta poco per stare bene, in pace con se stessi. Anzi, spesso sono proprio le cose più piccole a darti le soddisfazioni maggiori, a farti fare delle scelte che ad altri potrebbero sembrare folli. Uno di questi casi è quello di Francesco Cardinali, l'attaccante che nel corso di questa stagione ha deciso di lasciare il Città di Monte San Giovanni Campano in Eccellenza per andare a vestire la maglia biancorossa del Città di Anagni, la squadra della sua città, in Prima Categoria. Ed a sentire il giocatore, mai scelta fu più felice.

Francesco Cardinali con la maglia del Città di Anagni foto©Anna AmmannitiFrancesco, quali sono i motivi che ti hanno spinto a prendere questa decisione? Addirittura un doppio salto di categoria...
"A Monte San Giovanni Campano stavo benissimo, ho passato un anno e mezzo meraviglioso - condito nella passata stagione dal titolo di capocannoniere del girone D di Promozione, ndr - insieme a persone splendide, che amano il calcio. Sono molto felice a proposito che ieri siano tornati alla vittoria dopo un periodo non facile, tifo molto per loro. Ma quando si è presentata l'occasione di giocare per la squadra della mia città, non ci ho messo molto per prendere una decisione. E' stata inoltre una scelta di tipo logistico, facendo l'operatore ecologico la mattina proprio ad Anagni ho più tempo ora per stare vicino a mia moglie ed a mia figlia".

Cosa si prova ad indossare i colori della squadra della tua città? Che sensazioni provi la domenica?
"E' tutta un'altra cosa rispetto a giocare per qualsiasi altra squadra. Una sensazione nuova per me, bellissima, ti dà una forza ulteriore che ti permette di non mollare mai, nemmeno nei momenti più difficili. E poi è bello esultare a fine gara con i tifosi che sono poi tuoi amici, con i quali ti vai a prendere una birra a partita terminata. Tutte emozioni da me mai provate prima".

Cardinali ai tempi del Città di MSGC Foto©asdcittamontesangiovannicampano.itQuesto campionato si è trasformato in un vero e proprio monologo del Città di Anagni: prima di venire qua ti aspettavi un ruolino di marcia così netto?

"Se ti devo dire la verità, me lo aspettavo. Questa squadra è composta da giocatori di enorme qualità, ad a lungo andare tale fattore fa la differenza. Ma non c'è solo qualità qui: il gruppo è straordinario, e ciò lo si nota in allenamento dove i ragazzi danno sempre il 110%. Anche se da molte giornate siamo parecchi punti sopra al secondo posto la squadra non ha mai dato alcun segnale di rilassamento, anzi ieri dopo aver battuto il Veroli fra di noi già si parlava dell'impegno casalingo di domenica prossima contro la ProCalcio Ferentino. Qui ci sta una mentalità vincente, e grande merito lo ha la società, composta da grandi persone che non ci fanno mai mancare nulla. Il Città di Anagni è una realtà ambiziosa che non sbaglia un colpo".

Se tutto va come sembra debba andare, nella prossima stagione sarete in Promozione. Come la vedi questa squadra nel campionato cadetto?
"Nulla è ancora deciso, certo, a questo punto non ottenere la Promozione sarebbe un vero e proprio suicidio... (ride, ndr) Comunque le basi ci sono, la squadra è solidissima e mister Gerli è uno dei tecnici più preparati in circolazione. Già così basterebbe per ottenere una comoda salvezza. Ma come ho detto prima il club è ambizioso, e secondo me con dei piccoli innesti questa squadra potrebbe puntare a qualcosa di più importante..."

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE