Cerca

2ª categoria

Pro Appio, parla Francesco Liotti: "Rimane dell'amaro in bocca"

Intervista al numero dieci capitolino: "Abbiamo lottato fino alla fine, ma il sogno è sfumato nelle ultime gare"

26 Maggio 2016

Francesco Liotti

Francesco Liotti

Francesco Liotti

Francesco fa un resoconto dell'annata che è stata, che ha visto il Pro Appio lottare fino alla fine per agguantare il passaggio di categoria, sogno tuttavia sfumato nelle ultime giornate lasciando la promozione alle diretti concorrenti del campionato."Rimane dell'amaro in bocca per il quarto posto raggiunto, considerando l'obiettivo che ci siamo preposti ad inizio campionato e considerando che siamo stati in testa al girone per la gran parte della stagione.L'ultima partita di Campionato deve essere il punto di partenza per il prossimo" un nuovo campionato che forse non vedrà la presenza di Francesco tra le fila dei neroverdi "il prestito dalla mia squadra è scaduto, la mia volontà è quella di rimanere qui, ma non dipende tutto da me, dovrò senza dubbio parlare col mio vecchio mister".Una volontà chiara e precisa quella di Francesco "guardando indietro all'anno che ho passato qui non posso che tirare le somme per una crescita personale più che importante, perché questa squadra va oltre il campo, va oltre il calcio: è un insieme di valori, di regole, di uomini che fanno sì che il Pro Appio sia qualcosa in più di una semplice squadra di calcio!Qui si va ben oltre, ed è questo uno dei motivi per cui vorrei rimanere a tutti i costi in questa compagine; non mi importa quale sia la categoria, rinunciando alla Promozione o all'Eccellenza. Mi importa continuare a fare bene circondato dalle persone di questo gruppo".Francesco vuole ovviamente ringraziare i compagni che con lui hanno dato il massimo in questa stagione 'ho trovato dei compagni meravigliosi, con i quali si sono stretti dei legami che vanno oltre il rapporto calcistico. Tra tutti però non posso che non ringraziare il Mister, Claudio Fabrizi, il primo che ci mette la faccia, il primo a fare i sacrifici, il primo ad arrivare agli allenamenti e l'ultimo ad andare via, con tutto che è diventato papà nel corso proprio di questa stagione. A lui vanno anche i migliori complimenti per aver creato tutto questo: l'idea, il progetto, il sogno Pro Appio che si è realizzato".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE