Cerca

L'intervista

Virtus Divino Amore, Maramao: "Ora mettiamo testa e cuore"

L'esterno offensivo classe 1993 spiega la metamorfosi in positivo della squadra rispetto alle prime partite

16 Novembre 2016

Marco Maramao

Marco Maramao

Marco MaramaoUn avvio di stagione totalmente agli antipodi. E’ quello che sta vivendo la Virtus Divino Amore nel girone G di Prima categoria. Tre sconfitte nelle tre partite iniziali, tanti dubbi, perplessità e probabilmente anche un confronto interno serrato. Dalla quarta gara è iniziato il campionato della squadra di mister Magrelli, capace di mettere assieme tre vittorie e un pareggio nelle ultime quattro gare disputate. L’ultimo successo, poi, è stato davvero clamoroso: la Virtus Divino Amore, infatti, si è imposta con un eloquente 5 - 1 sul campo della capolista Colle Oppio, imbattuta fino a quel momento e con appena quattro gol al passivo nelle precedenti sei partite di campionato. "Abbiamo fatto una grande prestazione – spiega l’esterno offensivo classe 1993 Marco Maramao -, ma sinceramente erano state più sorprendenti le tre sconfitte iniziali. All’inizio probabilmente mancavano testa e cuore e ora le mettiamo in campo: vincere sul campo di una squadra come il Colle Oppio e con quelle proporzioni non era per nulla semplice. Inoltre va dato merito alla società e al mister di averci trasmesso tranquillità anche nei momenti più delicati, ci hanno dato le sensazioni giuste". Un piccolo segreto dietro all’impresa, però, esiste: "Abbiamo pranzato nel Bench bar, la struttura nata all’interno del centro sportivo del Millevoi: purtroppo noi giocheremo pochissimo alle ore 15, ma lo consiglio a tutte le squadre che giocano di pomeriggio" sorride Maramao che domenica è stato uno dei cinque marcatori del trionfo sul campo della capolista. Assieme a lui sono andati a bersaglio Galeotti, Violante, Mosciatti e Solinas. "Segno che tutto il gruppo sta dando un contributo importante" rimarca Maramao, giunto al terzo sigillo della sua stagione. "Ho iniziato tardi la preparazione e all’inizio sono stato in panchina in un paio di occasioni, ma ora sto molto meglio e cerco di dare il mio contributo alla squadra". Nel prossimo turno la Virtus Divino Amore ospiterà l’Accademia Real Tuscolano, penultima della classe. "La classifica è corta e non conta – avverte Maramao – Tra l’altro in casa abbiamo fatto appena un punto finora e bisogna assolutamente cambiare tendenza e fare risultato pieno. Obiettivi finali? Inutile parlarne ora: la classifica dice che al momento siamo settimi e quindi evidentemente finora ci siamo meritati quella posizione". 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE