Cerca

1ª categoria

Valentano, Antolovic: "Una grande accoglienza"

Intervista al neo tecnico appena nominato allenatore della formazione viterbese

01 Dicembre 2016

Daniele Antolovic

Daniele Antolovic

Daniele Antolovic

Antolovic riparte da Valentano, o forse sarebbe più giusto dire che il Valentano riparte da Daniele Antolovic. Dopo un’assenza forse troppo prolungata il neo tecnico può tornare a cimentarsi con il mondo che sente più suo.

“Sono stato accolto favorevolmente da tutti, io lavoro qui a Valentano e quindi posso dire che conosco benissimo l’ambiente. Il calcio significa molto per me, lo ritengo tuttora parte integrante nonché importante della mia vita e questi mesi lontano dai campi non sono stati facili. Mettersi la tuta e dirigere il primo allenamento mi ha dato un brivido immenso. Dopo diverse vicissitudini cercavo una situazione che mi facesse semplicemente dire “voglio fare l'allenatore al netto delle possibilità” e qui a Valentano ho trovato un'ambiente ideale. Partiamo da una situazione certamente particolare, la prima categoria è un mondo nuovo per me, ma ho scelto questa società in quanto l’ho ritenuta funzionale a prima vista. Questa squadra ha delle potenzialità enormi per poter fare un campionato stabile e credo che il valore attuale della rosa, composta tra l’altro da molti elementi più che validi, che conosco benissimo e che ho fatto esordire io in altre squadre, non rispecchi la posizione attuale di classifica, dobbiamo cercare di capire insieme quali meccanismi si sono inceppati in questo'inizio deficitario.” Un bel banco di prova sarà senz’ombra di dubbio la prossima sfida in casa della Virtus Acquapendente, che in caso di vittoria appaierebbe proprio il Valentano in classifica. “Domenica andare a giocare contro una squadra come la Virtus non sarà semplice, ma già in allenamento ho visto la scossa, la voglia di invertire la rotta. I ragazzi erano spenti e avviliti per la situazione, ma già martedì li ho visti rinfrancati. Cercheremo di metterci il massimo entusiasmo e tutta la verve al fine di un ottenere cambiamento voluto e fare una partita che posa portare punti. Ho detto loro che ci dobbiamo guardare indietro, non avanti, ma tralasciando la roboante vittoria contro la Velka Tarquinia, una squadra che sta vivendo un momento difficile e che non deve creare illusioni.”

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE