Cerca

1ª categoria

Arbitro aggredito a Veroli: il Ferentino vince a tavolino

Il Giudice Sportivo ha analizzato i fatti accaduti nell'ultima giornata di campionato: oltre al 3-0, per i padroni di casa arrivano maxi squalifiche

16 Marzo 2018

Caos a Veroli ©De Cesaris

Caos a Veroli ©De Cesaris

Caos a Veroli ©De Cesaris

Il CR Lazio ha pubblicato il comunicato ufficiale con il quale il Giudice Sportivo fa chiarezza sul caso di Veroli, in occasione della sfida sospesa contro il Ferentino la scorsa domenica. Arrivano due maxi squalifiche per i padroni di casa ed un duro 3-0 a tavolino che complica sempre di più gli sviluppi per la salvezza. Di seguito riportiamo l'attenta analisi del Giudice Sportivo:


VEROLI - FERENTINO CALCIO

Esaminati gli atti ufficiali relativi alla gara di cui in epigrafe

RILEVA

- al 48' del secondo tempo, a seguito della realizzazione di una rete da parte della società FERENTINO CALCIO, il dirigente accompagnatore della società VEROLI FIORAMONTI Romeo, entrava velocemente sulterreno di gioco e inveiva in maniera violenta e offensiva nei confronti dell'arbitro minacciandolo.

Il soggetto, veniva trattenuto dai calciatori della stessa società. Il direttore di gara, spaventato dalla situazione venutasi a creare e dalle ripetute minacce subite, non si trovava più nelle condizioni psico-fisiche a proseguire l'incontro, pertanto emetteva il triplice fischio di chiusura al 48' del secondo tempo sul seguente punteggio: VEROLI - FERENTINO CALCIO 1 - 2.

L'arbitro mentre correva verso gli spogliatoi veniva avvicinato dal Sig. LUCARINI Michele assistente di parte, che lo insultava e minacciava di colpirlo con la bandierina. Allorchè poi l'arbitro stava per entrare negli spogliatoi veniva raggiunto dal Sig. FIORMONTE Romeo che gli impediva di fare rientro nel proprio spogliatoio e frapponendosi con un piede scardinava la porta dello stesso che incidentalmente colpiva l'arbitro ad un gomito provocandogli escoriazioni con leggero sanguinamento.

Successivamente, l'arbitro cercava sostegno dai calciatori e correva verso il terreno di gioco. Il Sig.LUCARINI Michele di striscio lo colpiva con la bandierina ad una tempia procurandogli dolore. Il direttore di gara, chiedeva telefonicamente l'intervento della Forza Pubblica che, raccoglieva la denuncia dei fatti. Persistendo il dolore, l'arbitro accompagnato dal proprio genitore, si portava presso il pronto soccorso dell'ospedale Santa Scolastico di Cassino dove gli veniva riportato l'escoriazione del gomito destro guaribile in gg. 3 s.c.

In considerazione a quanto sopra, si evince che l'anticipata conclusione della gara va addebitata alla societàVEROLI. In virtù all'art. 17 comma 1 del CGS

DELIBERA

a) di infliggere alla società VEROLI la punizione sportiva della perdita della gara con il punteggio di 0 - 3,nonchè l'ammenda di euro 100,00;

b) di inibire il Sig. FIORMONTE Romeo (VEROLI) fino al 31.12.2018

c) di inibire il Sig. LUCARINI Michele (VEROLI) fino al 31.12.2018

Sanzione da non considerare ai fini dell'applicazione delle misure amministrative disposte dalla FIGC con ilC.U. n. 104 del 17.12.2014

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE