Cerca

1ª CATEGORIA

Setteville, Di Vico: "Serve più concentrazione"

Il mister biancoceleste ci mette la faccia e parla apertamente delle difficoltà dei suoi, invischiati in un periodo nero

17 Gennaio 2019

Giuseppe di Vico, tecnico del Setteville

Giuseppe di Vico, tecnico del Setteville

Giuseppe di Vico, tecnico del Setteville

E' crisi nera per il Setteville, reduce dalla sconfitta per 3-0 subita Domenica scorsa contro la Magnitudo quart'ultima. Un punto nelle ultime quattro e vittoria che manca addirittura dal 3-1 sul Pro Marcellina del 9 Dicembre scorso. Mister Giuseppe di Vico non si nasconde e mette i suoi di fronte alle proprie responsabilità.


Ci racconti i motivi di questa sconfitta con la Magnitudo.

"C'è stata mancanza di professionalità. Sia in settimana che nel giorno del match molti dei ragazzi sono arrivati tardi oppure poco concentrati, cosa che si è vista poi in campo. A differenza delle altre sconfitte, arrivate con squadre più attrezzate, questa mi brucia ancora di più. La partita è stata sottovalutata".


Alla luce di questo momento, come vede il prossimo match contro l'Atletico Lodigiani.

"C'è stato un confronto molto diretto con la società e con i ragazzi. Sembra abbiano capito la lezione, visto che in settimana si stanno allenando meglio. Mi aspetto una reazione sul piano del gioco, che per noi è primario. La vittoria è solo una conseguenza di quello che facciamo vedere in campo".


Guardando i numeri di questo Setteville, uno dei problemi sembra essere la scarsa vena realizzativa.

"Segniamo molto poco rispetto a quello che creiamo. Questo è dovuto alla poca cattiveria che mettiamo sottoporta, fattore che si è visto anche nelle ultime partite: con lo Zena, con la Magnitudo e, in maniera minore, col Torre Angela abbiamo avuto diverse chance offensive non sfruttate, le quali alla fine hanno pesato in maniera determinante sul risultato".


Quali sono le possibilità di promozione di questo Setteville?

Non mi nascondo, sono molte e concrete. A Dicembre eravamo secondi, poi abbiamo perso alcuni scontri diretti e la situazione è peggiorata. Ma il gruppo è livellato e molto valido, ragion per cui credo che sia un obiettivo alla nostra portata".


Magari l'aiuto della Juniores può essere utile.

"Sono una grande squadra che sta facendo benissimo nel suo campionato. Domenica ho portato con me quattro 2001, che hanno esordito e hanno fatto bene. L'idea è di creare un gruppo composto da un mix di gente esperta e di giovani validi".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE