Cerca

2ª Categoria

Atletico Capranica, Zanganelli: "Con Greco siamo al Top"

Parla il direttore sportivo della squadra di Mister Piferi che ci svela come l'obbiettivo sia raggiungere la Prima categoria per poi rimanerci

31 Gennaio 2019

Festeggiamenti dopo un gol @Facebook

Festeggiamenti dopo un gol @Facebook

Festeggiamenti dopo un gol @Facebook

Un 2018 da dimenticare per l'Atletico Capranica contraddistinto dalla retrocessione in Seconda Categoria. Un 2018 che ha lasciato spazio ad un nuovo anno, per ora, contraddistinto da un caleidoscopio di emozioni coronate con la prima posizione in campionato alla fine di questo gennaio con ben 7 punti di distacco dal Trevignano secondo. Parla Marco Zanganelli, D.S. della società, che ci parla della situazione in casa Capranica: "Visti i risultati non possiamo lamentarci perché i ragazzi stanno dimostrando tenacia e voglia di riprendersi quella categoria che hanno perso lo scorso anno. L'importante è non montarsi la testa e continuare su questa strada". C'è sempre una partita in cui la squadra in vetta capisce di poter ambire alla vittoria del campionato, per l'Atletico Capranica è stata la vittoria contro il Cesano a dare la carica: "Sapevamo di avere una squadra competitiva ma non pensavamo fino a questo punto. Il 3-1 contro il Cesano, che in quella giornata è stato momentaneamente secondo, ci fece capire quanto valiamo. Vorrei aggiungere che al di là di quell'incontro, tutte le partite sono per noi un banco di prova per testare la nostra forza, l'evoluzione di una squadra arriva affrontando partita per partita, settimana per settimana attraverso un percorso conoscitivo". Una squadra ben costruita che vede una forte ossatura: "Avevamo problemi a centrocampo ma con l'arrivo di Greco (giocatore che disputava il campionato d'Eccellenza) possiamo dire di aver fatto il salto di qualità. I nostri punti di forza? La panchina lunga aiuta in ogni evenienza ma una lode va al nostro attaccante, Brunetti, che se è in giornata di grazia è una spina nel fianco per qualsiasi difesa." Parlando dei punti deboli aggiunge: "Se dovessi mettere in evidenza un piccolo difetto che riscontro nella squadra è la difficoltà nel fare gioco durante le partite in casa. Tutte le squadre che vengono nel nostro campo tendono a coprirsi. Per noi è difficile giocare un buon calcio. Preferisco vedere la squadra in trasferta dove può esprimere tutto il suo potenziale." L'ultima conclusione riguarda agli obbiettivi futuri della società una volta ottenuta la promozione: " Detto sinceramente, siamo una società di amici, dove chi gioca percepisce al massimo un rimborso spese perciò per noi è già molto arrivare in Prima Categoria e mantenere e non retrocedere. Il resto si vedrà"

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE