Cerca

1ª CATEGORIA

Entra, in dieci minuti decide la gara ed esce: la storia di Luciani

E' successo domenica in Prima Categoria: l'esterno classe '97 stringe i denti, sostituisce un compagno e segna il gol vittoria prima di essere sostituito

18 Novembre 2019

Mirko Luciani, Poggio Mirteto

Mirko Luciani, Poggio Mirteto

Mirko Luciani, Poggio Mirteto

“Era appena iniziato il secondo tempo, il mister si gira verso la panchina, mi batte il cinque e mi dice: ‘che fai?’”. Inizia così la bella storia di Mirko Luciani, l’attaccante del Poggio Mirteto, capace di decidere la gara in soli dieci minuti di gioco. Il match era di quelli importanti, al vertice della classifica; Poggio Mirteto e Alba Sant’Elia erano divise da soli due punti prima di questi pazzi 90 minuti di domenica, con i secondi che si trovavano appollaiati in prima posizione accanto alla Virtus Roma Club. Adesso, al termine del weekend, la classifica si è ridisegnata e vede il club biancorosso in prima posizione e le due squadre sopracitate ad inseguire. Il Poggio Mirteto infatti uscirà dal Marco Gudini con i tre punti in tasca grazie proprio a Luciani. Ma facciamo un passo indietro e torniamo agli istanti che hanno preceduto l’ingresso in campo dell’esterno d’attacco classe ‘97: “In quei minuti è successo un po’ di tutto, cose positive e negative. Non potevo rifiutare l’offerta del mio mister, non sono ancora al 100%, rientravo da un piccolo stiramento, ma in quel momento ho deciso di iniziare a scaldarmi. Poi l’ingresso in campo ed al primo scatto è successo subito quello che non doveva accadere: inizio a sentire dolore. Non potevo chiedere il cambio però, Domenici aveva deciso di darmi fiducia ed io non mi sono tirato indietro togliendo la possibilità a qualche compagno di entrare. Per questo decido di stringere i denti e aspettare ancora qualche minuto. Il fato ha voluto che mi sono ritrovato nel posto giusto, al momento giusto. Bonifazi pennella un cross al centro ed io mi sono nelle condizioni di battere a rete per il vantaggio. E’ stata una gioia incredibile e dentro di me ho pensato ‘Beh, adesso il cambio posso chiederlo’ (ride ndr.)”. Così è stato: Mirko entra ed esce dal campo nell’arco di dieci minuti, quelli sufficienti per segnare il gol della vittoria. “Domani farò degli esami, spero di non aver aggravato troppo le mie condizioni, ma ne è valsa la pena in qualche modo. Ho un bellissimo rapporto con Domenici - continua Luciani -, c’è grande stima reciproca e lui da quando eravamo insieme al Poggio Nativo mi ha insegnato molto, sia sotto il punto di vista calcistico, che sotto l’aspetto umano. Lui si fida di me e sono contento di avere regalato questi tre punti a lui ed a tutti i miei compagni”. In chiusura Luciani ci tiene a spendere qualche parola sul buon andamento della sua squadra: “Stiamo andando forte per ora, non abbiamo mai perso, ma già mercoledì ci ritroviamo a tornare in campo per recuperare la partita interrotta contro l’Atletico Sabina. Abbiamo sessanta minuti per centrare la vittoria, non sarà semplice, ma daremo il massimo”.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE