Cerca

L'intervista

Lariano, Pomponi:" Il risultato la nostra medicina"

Il capitano gialloverde parla dell'inizio di stagione e della responsabilità che sente nel portare la fascia

29 Novembre 2019

Pomponi, capitano del Lariano ©Menichini

Pomponi, capitano del Lariano ©Menichini

Pomponi, capitano del Lariano ©Menichini

Ripartire dall'ultima gara vinta per 1-0 contro la Virtus Divino Amore (una delle favorite del girone) dopo una partenza non esaltante dal punto di vista dei risultati: questo è l'obiettivo imposto alla squadra da Pomponi, capitano dell'Atletico Lariano: ” L'ultima partita deve sicuramente rappresentare un punto di svolta, ma non a parole, con i fatti. Ci vuole continuità di risultati, la vittoria deve essere per noi una medicina che consente poi di vedere tutto in maniera positiva e lavorare meglio" Dal punto di vista personale "Certamente indossare la fascia di capitano per me allo stesso tempo è un onore ma anche una grande responsabilità. Tuttavia, il vero capitano è Rocchetti che però è fermo ai box da circa un anno. Sarò molto contento nel momento in cui tornerà di restituirgliela perchè se lo merita" Pomponi non vuole però sentir parlare di individualità: ”Io valuto il mio inizio di stagione in base ai risultati della squadra, non in base alle mie personali prestazioni" La compagine gialloverde fa fatica specialmente nel reparto offensivo, tanto che ha il terzo peggior record di gol fatti di tutto il girone con 8 gol in altrettante partite. Al riguardo Pomponi si esprime in questi termini: "Intanto voglio augurare una pronta guarigione alle nostre due punte (Romaggioli e Ladaga). Sì, diciamo che davanti non stiamo facendo molto bene. Non abbiamo sicuramente un bomber da 20 gol, ma abbiamo qualità per fare molto meglio di così. Quando poi ritorneranno dagli infortuni alcuni nostri giocatori importanti credo che il rendimento sarà superiore.” Il Lariano viene da una retrocessione lo scorso anno contro ogni pronostico di inizio stagione ed è per questo che il suo (momentaneo) capitano non vuole porsi obiettivi a lungo termine, considerandoli deleteri:” La pressione di dover raggiungere un risultato a lungo termine ci distoglie soltanto l'attenzione dal campo. Bisogna pensare partita dopo partita”.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE