Cerca

1ª CATEGORIA

Bassano Romano, Bernacchi commenta l'impresa con la Fulgur

La compagine rossoblù compie l'impresa e batte, l'ormai ex, capolista del girone per la prima volta in questo campionato

10 Febbraio 2020

Claudio Bernacchi, mister Bassano Romano ©MarcelloPallini

Claudio Bernacchi, mister Bassano Romano ©MarcelloPallini

Claudio Bernacchi, mister Bassano Romano ©MarcelloPallini

Il Bassano Romano ha compiuto l’impresa. Domenica, infatti, nel proprio fortino amico è riuscito a sconfiggere per la prima volta in questo campionato la Fulgur Tuscania, interrompendo la striscia positiva dei bianconeri che li vedeva imbattuti dalla seconda metà della passata stagione. Inoltre, grazie a questi tre punti strappati ad una diretta concorrente, la compagine rossoblù si è rilanciata a gran voce nella corsa alla prima posizione riducendo a sole tre lunghezze la distanza dalla nuova capolista, la Sorianese. In onore di questo favoloso risultato abbiamo contattato il tecnico bassanese, Claudio Bernacchi, che ci ha raccontato la sfida: “Venivamo da un periodo un po’ altalenante, un po’ di infortuni, qualche squalifica ed un momento di minor brillantezza nei singoli ci avevano fatto perdere qualche punto qua e là. Ieri invece i ragazzi ci hanno messo un qualcosa in più nell’interpretazione della sfida, si vedeva che c’era voglia di dimostrare quanto valiamo. Anche i nostri avversari sono stati molto bravi approcciando alla gara con carattere, ma noi ne abbiamo avuto più di loro. Siamo stati autori davvero di una gara praticamente perfetta che nonostante questo è stata molto equilibrata. La differenza con la Fulgur è che noi siamo riusciti a concretizzare le occasioni avute, che in realtà non sono state molte di più delle loro. Siamo passati in vantaggio a ridosso dello scadere della prima frazione e nel secondo tempo abbiamo fatto una gara attenta senza però chiuderci limitandoci solo a difendere. Il risultato dunque è frutto del sacrificio e di una grande forza di volontà, grazie a tutto questo siamo stati premiati con i tre punti. Un plauso va fatto anche agli interpreti in campo, specialmente quelli che sono entrati a partita in corso, dato che dopo dieci minuti di gioco ci siamo ritrovati senza il nostro centrocampista titolare ed anche l’esterno, entrambi infortunati, ma chi li ha sostituiti non li ha fatti rimpiangere”. Da qui la concentrazione si sposta al campionato, con il mister che sottolinea l’equilibrio del girone: “Alleno da cinque anni in questo raggruppamento e devo dire che mai come quest’anno il valore delle squadre di medio-alta classifica è equilibrato e livellato verso l’alto. Non a caso nessuna squadra, neanche quelle di testa, riescono a stravincere le partite ed anzi rimangono quasi tutte combattutissime fino alla fine. Per questo saranno importanti tutti gli scontri diretti, siamo quattro o cinque squadre a porterci giocare la vittoria fino alla fine. Questa mattina ho sentito Giorgio Alessandrini (mister della Sorianese ndr.) che è un mio grande amico, oltre che un ottimo tecnico, e ci siamo detti che se si continua di questo passo il campionato si risolverà all’ultimo turno, quando ci sarà lo scontro diretto proprio con la Sorianese”.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE