Cerca

1ª CATEGORIA

Il Poggio Mirteto si riorganizza: cambia il numero 1 del club

Matteo Antonelli sarà il nuovo presidente della società biancorossa; ecco le sue prime dichiarazioni

10 Giugno 2020

Matteo Antonelli, presidente Poggio Mirteto

Matteo Antonelli, presidente Poggio Mirteto

Matteo Antonelli, presidente Poggio Mirteto

Il Poggio Mirteto si proietta già verso il futuro. Dopo una splendida cavalcata compiuta nel girone C di Prima Categoria con un primo posto praticamente mai messo in discussione, il club biancorosso, in attesa di sapere in quale categoria militerà nella stagione 2020/2021, si riorganizza con delle grandi rivoluzioni nell’assetto societario. E’ infatti notizia di pochi giorni il cambio ai vertici della società con l’ormai ex calciatore Matteo Antonelli che andrà a sostituire Marco Sautelli nel ruolo di presidente. L’ex numero 1 mirtense però non abbandonerà i colori che ha sostenuto fino a questa stagione ed infatti per lui è pronto un posto da direttore sportivo. In onore di questo nuovo organigramma abbiamo deciso di intervistare il neo presidente del club, Matteo Antonelli; ecco le sue prime dichiarazioni nel suo nuovo ruolo:


Come avviene il cambio nella presidenza della società?

“Qui al Poggio Mirteto, sin dall’anno di fondazione della società, lavoriamo in sei ragazzi rappresentando un unico corpo. Fino a questa stagione io rivestivo ancora i panni di giocatore, ma ora che la mia carriera è giunta al termine sapevo di dover andare a ricoprire un posto nello staff della società; Marco Sautelli avrà molti più impegni il prossimo anno dato che sta per diventare papà ed allora ha deciso di diminuire le sue mansioni passando però a svolgere un ruolo fondamentale all’interno di un club - che tra l’altro gli calza a pennello dato che sa trasmettere come pochi l’amore e la passione per questa società -, quello di direttore sportivo. Così, di comune accordo, ci siamo riorganizzati con Federico Pallocci e Alessandro Calvani che rimarranno i due vice presidenti, con Daniele Ruggeri che gestirà la prima squadra e Cristiano Pieroncini la Juniores, ed infine con Alessandro Pieroncini nel ruolo di direttore generale”.


È contento di questo nuovo ruolo? C’è già qualche progetto in vista della ripartenza?

“Sono davvero molto entusiasta, questo ruolo me lo sento addosso e so che posso dare tanto a questa piazza. Ora come ora stiamo lavorando con l'amministrazione comunale per risistemare il nostro impianto, il Valletonda, ed a breve fisseremo le prime riunioni con lo staff al fine di creare un’unicità di intenti. Un aspetto, quest’ultimo, che trovo fondamentale dal momento che i mister trasmettono i valori della nostra società ai ragazzi”.


Dopo una splendida stagione in Prima Categoria quali sono gli obiettivi futuri?

“Il Covid ha lasciato l’amaro in bocca, è innegabile visti i numeri e l’andamento di quest’anno. Adesso però non dobbiamo fermarci e ci dobbiamo riorganizzare al meglio per ripartire visto che andremo ad affrontare un campionato difficile come quello di Promozione. In questa categoria nulla sarà scontato, ma noi avremo la certezza di ripartire dai nostri capisaldi ai quali cercheremo di aggregare alcuni giovani di talento, ed in questo sarà fondamentale l’apporto di Domenici, Sautelli e Pieroncini”. 


In chiusura le chiedo un ricordo come calciatore ed un sogno come presidente.

“Come calciatore credo la vittoria di questa stagione contro la Spes Poggio Fidoni fuori casa, una vera e propria battaglia che ci ha dato la consapevolezza di poter vincere il campionato. Il mio sogno da presidente invece è quello di vedere crescere tanti giovani all’interno di questa società, giovani che apprezzino il calcio con i suoi valori di affetto e amicizia portandosi dietro lo stile del Poggio Mirteto”.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE

Dalle altre sezioni