Cerca

3ª categoria

Vesta, Accivile: "Andiamo avanti e ci faremo sentire"

Il direttore sportivo della società romana analizza gli ultimi sviluppi e commenta le prime settimane di attività

24 Ottobre 2020

Vesta, Accivile: "Andiamo avanti e ci faremo sentire"

A sinistra il ds Accivile, con Moretti ©Vesta

La stagione del Vesta è cominciata con entusiasmo alle stelle, tanta voglia di stupire e farsi conoscere e, soprattutto, con risultati sul campo che stavano giorno dopo giorno confermano il valore del progetto e la bontà del lavoro svolto dallo staff del club di Roma nord. È il direttore sportivo Edoardo Accivile a fare il punto della situazione in casa arancione: "Le prime uscite della squadra sono andate molto bene - esordisce - Il match d’esordio è stato in Toscana contro la Bucinese, squadra di diverse categorie superiore visto che milita in Promozione: ci siamo difesi alla grande ed abbiamo perso solo 1-0, dominando per lunghi tratti la gara. Poi avevamo iniziato a trovare ritmo, riuscendo a schierare in campo un ottimo mix di giovani e giocatori più esperti, vincendo le amichevoli contro Leonina e Undici, compagini di Seconda Categoria. Eravamo quindi pronti a cominciare alla grande il nostro campionato". Anche perché l’operato del ds e del resto della dirigenza della neonata società capitolina sul mercato era stato impeccabile: "Abbiamo messo a segno un colpo importante per reparto, grazie anche all’apporto del direttore tecnico Edoardo Ruggeri: per la porta Davide Mangerini, ex Lazio con un passato in C e D; in difesa abbiamo riportato a casa Luca Di Marco, che nelle ultime stagioni è stato sempre protagonista con l’Atletico Vescovio; poi dalla Puglia abbiamo preso il mio caro amico Francesco Moretti, che qualche anno fa ha vinto la Coppa Italia di Eccellenza con il Bisceglie; infine in attacco la ciliegina sulla torta è Marco ‘Bum Bum' De Angelis, attaccante di categorie superiori che non ha bisogno di presentazioni, vantando presenze in Serie B e molti anni di professionismo - prosegue il ds - L’ambiente era ed è carico, la proprietà è soddisfatta e vuole vedere rendere sul campo gli investimenti fatti, tutti quanti ci auguriamo di raggiungere i traguardi prefissati: l’obiettivo è migliorarsi stagione dopo stagione e di arrivare in Serie D nel giro di 4-5 annate". L’ultimo Dpcm 18 ottobre 2020 ha però frenata lo slancio del Vesta, come di tante altre realtà del calcio laziale. Queste le considerazioni di Accivile: "Ci rimettiamo alle disposizioni ufficiali del Governo. Ma di certo non accettiamo il fatto di venire trattati come realtà inferiori: non ha senso fermare allenamenti ed amichevoli ordinari imponendoli in forma individuale e non capisco la distinzione che è stata fatta tra 1ª/2ª e 3ª Categoria, tra competizioni Regionali e Provinciali. Così sarà molto più complicato riprendere - spiega il dirigente - Inoltre non trovo logica neanche nell’imporre allenamenti distanziati con determinati protocolli quando poi negli spogliatoi, avendo rispettato tutte le norme anti-Covid, si sta tutti insieme. Non lo concepisco, sarebbe bastato evitare le dinamiche di spogliatoio e lasciar disputare normalmente gli allenamenti, che sono all’aperto. In questo modo avremmo potuto constatare come il calcio non sia fonte di un alto numero di contagi - conclude Edoardo Accivile - Da noi c’è un controllo scrupoloso, tra sanificazioni continue, misurazioni della temperatura, mascherine, gel igienizzanti e sedute all’aria aperta. Ora siamo fermi, ma continuiamo comunque ad andare avanti secondo le nuove direttive governative, anche con l'Under 19 Regionali C: crediamo molto nel gruppo che abbiamo formato e messo in mano a mister Crovi. Per la prima squadra il tecnico Liberati e il suo staff dispongono nuove tipologie di allenamento e nei ragazzi c’è la stessa voglia di prima. Sono in frequente contatto con altri club di Terza Categoria e faremo sentire la nostra voce, uniti".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE