Cerca

3ª categoria

Liberati: "Il Vesta è ambizioso, qui c'è un gran progetto"

Il tecnico ex Fidene racconta le prime settimane della sua nuova avventura e l'entusiasmo della giovane realtà romana

30 Ottobre 2020

Liberati: "Il Vesta è ambizioso, qui c'è un gran progetto"

Emiliano Liberati, qui ai tempi del Fidene

Emiliano Liberati è l'allenatore che avrà il compito di condurre la prima squadra del Vesta al raggiungimento degli ambiziosi traguardi che si prefigge. Allenatore di personalità e esperto nel panorama laziale, conoscitore delle varie categorie e che si è tolto già più d'una soddisfazione in carriera, Liberati racconta subito il clima e la carica che si respira in casa arancione: "Ci hanno fermato sul più bello perché stavamo prendendo il ritmo, trovando il giusto feeling tra dirigenza, tecnici e giocatori. Questo è un gran progetto e nelle prime settimane di lavoro ho visto la giusta armonia tra tutte le componenti della società - esordisce - Respiro la stesa aria, fatta di entusiasmo e carica positiva, di quando ho vinto il campionato in Terza Categoria con la Neorizon e quello in Seconda con il Fidene.  In squadra c'è l'armonia ideale tra giocatori giovani e gregari e la dirigenza ci segue passo passo in ogni situazione. La società si muove come un corpo unico: siamo tutti collaborativi e si sta creando un ambiente sano, molto emozionante e che suscita tanta curiosità". Stop ai campionati ma non agli allenamenti, che si dovranno svolgere in forma individuale. Non un problema per una realtà all'avanguardia come quella del Vesta: "Insieme al mio staff abbiamo programmato delle sedute nel rispetto del distanziamento tra parte atletica e tecnica, sempre utilizzando le nuove tecnologie. Nessun contatto e esercitazioni varie tra schemi e situazioni da fermo, evitando le partitelle - spiega il mister - Certo, è normale che i ragazzi un po' ne risentano, ovviamente, e speriamo che ci facciano ripartire il più velocemente possibile ma soprattutto che questo virus ci lasci in pace". Non resta quindi che continuare a lavorare e programmare, per farsi trovare pronti al momento della ripartenza. Il Vesta punta in alto, vuole correre veloce verso la meta e il tecnico ne è consapevole: "Quando ho accettato l'offerta di questa società, l'ho fatto senza guardare alla categoria. Da due-tre anni allenavo le giovanili per mia scelta ma avevo deciso, qualora si fosse palesata l'opportunità, di tornare ad allenare guidare i grandi - conclude - Questo progetto mi ha affascinato tantissimo e stavamo già vedendo i risultati sul campo, dopo gli investimenti della proprietà. Noi non facciamo chiacchiere: qui c'è una dirigenza giovane, competente, intraprendente e coerente. Il campo rispecchierà l'attegiamento di questa ambiziosa società".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE