Cerca

3ª categoria

Vesta, il ds Edoardo Accivile "Il nostro progetto va avanti"

Il dirigente arancionero descrive la situazione sia della sua società che del calcio dilettantisco

09 Marzo 2021

Edoardo Accivile

Edoardo Accivile, ds del Vesta

Il momento non è semplice per le società del nostro calcio regionale, che però continuano sempre a lavorare con massimo impegno e dedizione. Edoardo Accivile, direttore sportivo del Vesta, ci parla di come si stia affrontando questo periodo particolare in casa arancionera: "Purtroppo non siamo potuti partire con le competizioni ufficiali però fondamentalmente non ci siamo mai fermati con nessuna compagine (la Prima Squadra che disputa la Terza Categoria, l'Under 19 Regionale C e gli Allievi Provinciali), a parte quella settimana di stallo in cui si attendevano le decisioni da parte del Governo. Ci tengo a ringraziare il direttore tecnico Edoardo Ruggeri, sempre al mio fianco tutti i giorni, e lo staff tecnico in toto per l'impegno che hanno profuso in questi mesi nell'organizzare sedute di allenamento sempre nuove e che portassero stimoli a calciatori. Non bisogna dimenticarsi che la mancanza della partita non vale solo per i giocatori, ma anche per lo staff tecnico la situazione non è assolutamente facile. Lo stesso vale anche per la dirigenza perché comunque, non poter vedere i frutti sul campo del lavoro svolto, dispiace molto. L'estate scorsa avevamo disputato diversi test amichevoli, anche con squadre di categorie superiori alla nostra, in cui erano arrivati segnali assolutamente buoni. Eravamo prontissimi e vogliosi per l'inizio dei campionati, poi purtroppo la situazione sanitaria è peggiorata ed è arrivato lo stop che non ci ha permesso di partire con le competizioni ufficiali". Tra le note più liete di questi mesi ci sono le presenze sempre alte alle sedute di allenamento, segno dell'ottimo lavoro che si sta portando avanti ed importante attestato di fiducia nei confronti della società: "È quello che ci ha dato più di tutto la forza di andare avanti e di non abbatterci in nessun modo. In questo periodo noi comunque abbiamo sempre avuto un numero medio abbastanza alto di ragazzi che partecipano alle sedute di allenamento, nonostante manchi l'impegno delle partite nel weekend, e questo non può che farci immenso piacere. Soprattutto per i più giovani poter venire al campo è una valvola di sfogo importante, possono comunque praticare la propria passione e socializzare con i compagni, sempre nel pieno rispetto di tutte le direttive. Anche le famiglie infatti ci hanno sempre ringraziato per non esserci mai fermati, per aver permesso ai nostri tesserati di allenarsi nella massima sicurezza possibile e per aver fatto sentire sempre la nostra vicinanza ai ragazzi". Il direttore si esprime poi sulla futura ripartenza e lancia un appello alla FIGC in vista della prossima stagione: "Credo che purtroppo la stagione attuale sia impossibile da riprendere, anche perché bisogna considerare che il tempo stringe e ci sono diverse attività altrettanto importanti ancora ferme. La mia speranza è che con l'avvento dell'estate si possa almeno riuscire a praticare allenamenti collettivi, soprattutto per i ragazzi più giovani sarebbe molto importante a livello innanzitutto emotivo e morale. Organizzare amichevoli sarebbe più complicato ma almeno permettere alle società internamente di praticare degli allenamenti competitivi, potendo disputare anche le partitelle, sarebbe un bel passo in avanti. Poi un appello che mi sento di fare alla Federazione è quello di provare a congelare le categorie giovanili, perché questi ragazzi non fanno calcio praticamente da un anno e mezzo e scalare le categorie in maniera normale potrebbe rivelarsi deleterio per loro". Accivile conclude poi con quelli che saranno gli obiettivi per il futuro in casa Vesta, proseguendo un percorso già incanalato sulla strada giusta: "Il nostro progetto resta sempre lo stesso e l'obiettivo principale è quello di ampliare il numero di squadre. Vogliamo cercare di chiudere il pacchetto dell'agonistica con i Giovanissimi ed introdurre al più presto la Scuola Calcio, che dovrà essere poi in futuro il nostro principale serbatoio di talenti per lo stesso Settore Agonistico e per la Prima Squadra". 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE

Dalle altre sezioni