Cerca

2ª categoria

Fabrizio Del Bianco "Mi aspetto che per la nuova stagione le società siano agevolate"

Rammarico in casa Torri in Sabina per l'ennesimo stop, ma il presidente non molla e guarda al futuro

17 Marzo 2021

Fabrizio Del Bianco

Fabrizio Del Bianco, presidente del Torri in Sabina

Il presidente del Torri in Sabina, Fabrizio Del Bianco, ha fatto il punto su una stagione calcistica complicatissima sotto tutti i punti di vista: "Ci dobbiamo mettere in testa di capire bene il periodo storico, inutile pensare a quello che potevano o non dovevano fare le istituzioni, inutile lamentarsi come società. Si tratta di una pandemia, tutto il mondo è in emergenza totale, non si può ragionare solamente come Italia o addirittura restringere il cerchio al Comitato Regionale del Lazio. Di problemi ce ne sono eccome, in primis sul piano sanitario, non dobbiamo dimenticare di quante persone hanno sofferto per questo maledetto Covid e quante lottino tutt’ora. Reputo il calcio la cosa più importante delle meno importanti, ma in queste condizioni si ha il dovere, come cittadini consapevoli, di fare un passo indietro. Il Torri in Sabina aveva iniziato la stagione nel migliore dei modi, in estate eravamo riusciti a rafforzare un gruppo già molto affiatato e coeso con innesti mirati. Siamo un club nato da poco (nel 2017, ndr) e forse è proprio questo il motivo per il quale non ci arrendiamo. Nonostante l’impossibilità di svolgere i classici allenamenti tutti ci sentiamo costantemente, a dimostrazione che il Torri in Sabina, prima di essere una società di calcio, è una grande famiglia. È ovvio che ci auguriamo di tornare in campo il prima possibile e saremmo pronti anche per domani mattina, ma come detto prima bisogna essere coscienziosi. Non puntiamo il dito verso nessuno, la situazione è davvero grave". Il numero 1 del club ha poi proseguito: "Ci siamo sempre attenuti ai protocolli vigenti, rispettando normative e DPCM vari, facendo tutto il possibile nei limiti consentiti. Dopo la prima partita, vinta tra l’altro per 3-0, il campionato è stato sospeso. Per quanto riguarda il futuro non saprei cosa aspettarmi sinceramente, viviamo nell’incertezza più totale. La speranza è da riporre senza alcun dubbio nei vaccini, con l’augurio che il piano progettato dal governo possa procedere il più rapidamente possibile; solo così potremo tornare ad una tranquillità generale e, soprattutto, a vivere una normale quotidianità. Vedremo a settembre in quale situazione verserà il nostro paese, dopo un anno che ha stravolto la vita di tutti. Come detto prima noi saremo pronti a scendere in campo subito ma purtroppo dobbiamo aspettare". Fabrizio Del Bianco ha infine concluso con quelli che secondo lui dovrebbero essere gli accorgimenti per una ripartenza fluida del calcio giocato: "Diciamo che finora gli aiuti ci sono stati, ovviamente non bastano a coprire costi e spese, ma perlomeno qualcosa è arrivato. In vista del prossimo campionato, e quindi della stagione 2021/2022, mi aspetto sicuramente che le società vengano agevolate almeno per quanto concerne le iscrizioni. Quest’anno i pagamenti sono avvenuti regolarmente, nonostante, come tutti ben sappiamo, non si sia scesi in campo, non usufruendo quindi della spesa versata. Per il resto mi auguro che il gruppo e il Torri in Sabina resti sempre unito. La speranza più grande è che il vivere il calcio in maniera pulita e genuina come ora possa continuare a contraddistinguerci anche in futuro. Non dobbiamo mai dimenticare la funzione sociale del pallone, oltre che sportiva. È ovvio che vincere fa sempre piacere, ma i risultati maturati sul rettangolo di gioco mi interessano fino ad un certo punto. I valori e gli ideali di calcio in cui crediamo sono ben altri, come la voglia di stare insieme e di condividere un’amicizia che va oltre la squadra. Non abbiamo purtroppo la possibilità di stare insieme fisicamente, ma restiamo una grande famiglia, anche senza contatto. Concludo con l’auspicio di tornare in campo, ma l’obiettivo principale da perseguire resta il debellamento del virus. Ampio spazio al bene e alla salute pubblica, poi di conseguenza ben vengano tutte le iniziative sportive e calcistiche che si susseguiranno".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE