Cerca

1ª categoria

L'Arcadia si candida come l'anti Tor Lupara. Andrea Salaris: "Ho 21 titolari"

Il tecnico dei capitolini è reduce col suo gruppo dalle pesanti vittorie con Sanpolese ed OIR

01 Dicembre 2021

Andrea Salaris

Andrea Salaris, tecnico dell'Arcadia (Foto ©Cervera)

Dove c’è un fuggitivo c’è sempre un inseguitore. Se il Tor Lupara scappa – sospinto dalla striscia di 7 vittorie su 7 - alle sue spalle c’è un Arcadia che non ne vuole sapere di lasciare andar via la capolista. La squadra di Andrea Salaris ha vinto in rimonta il big match con l’O.I.R., affermandosi come prima antagonista della battistrada e candidandosi all’onore e l’onere di essere la formazione capace di interrompere il percorso netto dell’undici di Palumbo (domenica lo scontro diretto). "Stiamo facendo una bella cavalcata, inseguendo la capolista Tor Lupara che fino a questo momento le ha vinte tutte" – ha dichiarato il tecnico -"Onore a loro. Noi stiamo facendo bene. Abbiamo battuto la Sanpolese e domenica, nello scontro diretto, abbiamo superato 2-1 l’O.I.R., affermandoci con merito. Più in generale c’è una grandissima voglia dei ragazzi di dimostrare che quest’anno ci siamo anche noi. Vedo tanta abnegazione e volontà di mettersi in gioco. Abbiamo 21 titolari: chi entra dà sempre il massimo. Sono molto soddisfatto. Dovremmo concretizzare meglio la grande mole di gioco e c’è sempre da migliorare, però cercare dei difetti è come trovare il pelo nell’uovo, perché stiamo facendo una bella cavalcata, a parte per i pareggi con Magnitudo e Atletico Monti Tiburtini, che lasciano qualche rimpianto". Il trittico di big match si conclude con la visita nella tana della 1ª della classe: partita che si prospetta pirotecnica. "Sulla carta sono un’ottima squadra. Se sono in testa un motivo ci sarà. Andremo lì con serenità e con la voglia di fare bene, poi che vinca il migliore. Ci prepareremo con il massimo rispetto e con la consapevolezza di essere anche noi un gruppo di valore. Poi vedremo chi sarà il più forte. Siamo agli inizi del campionato e non è ancora decisiva". Ma sarà sicuramente una partita che può dare una scossa in vetta, anche se Salaris non si sbilancia. "Procediamo passo dopo passo e poi vedremo dove saremo. L’obiettivo prefissato è di fare bene e dare il massimo. Non nascondo che ci crediamo. Conosco il valore dei ragazzi, si possono sbagliare delle partite ma le loro potenzialità sono indiscutibili e credo che ci sono alcuni elementi che potrebbero giocare anche in categorie superiori. Il compito dell’Arcadia è quello di far emergere il nostro reale valore e di giocarcela fino alla fine, per restare in alto. Poi sarà il campo a decidere". 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE