Cerca

1ª categoria

Real 100Celle - Nova 7, rinviata. Saporetti: "Noi arrivati al campo, ma..."

Il dg neroverde commenta quanto accaduto domenica mattina prima del match non giocato contro il team di Centocelle

20 Dicembre 2021

Andrea Saporetti

Andrea Saporetti, dg della Nova 7

Quando si suol dire "Ma che siete venuti a fare". Di comico, però, c’è poco. Anzi, si potrebbe parlare di tragicomico, per quanto riguarda l’episodio che ha visto protagonista la Nova 7 – ed anche il direttore di gara designato per l’incontro, il Signor Francesco Valentini della sezione di Ciampino - che nell’ultima domenica calcistica del 2021 ha sostenuto la trasferta per arrivare al campo del Real 100celle, era pronta ad entrare in campo, salvo poi essere avvisata che gli avversari, causa positività al Covid di alcuni tesserati, non si sarebbero presentati. Abbiamo approfondito il caso con il direttore generale della Nova 7, Andrea Saporetti. “Eravamo nell'impianto di gioco -racconta- "Abbiamo aspettato le 11, abbiamo compilato regolarmente la lista e l’arbitro dovrebbe aver scritto che la società ospite era presente, mentre il Real 100celle no. La squadra avversaria non c’era, sono arrivati solo dei dirigenti che hanno comunicato al direttore di gara il numero dei positivi. Quest’ultimo ci ha detto che invierà il referto in federazione, e poi vedremo il da farsi. A quanto so, anche nel turno precedente non avevano giocato contro l’Arco di Travertino per lo stesso motivo. Sembra che quella partita verrà recuperata, e dunque credo che agiranno nella stessa maniera anche per il nostro caso. Ma quello che ci dà fastidio è il fatto di non essere stati avvertiti: ho portato 30 persone al campo tra giocatori e staff, abbiamo lasciato i nostri impegni per andare a disputare una partita non sapendo che non si sarebbe giocata. Né noi, né l’arbitro, che ho visto spiazzato dalla notizia. Ci avrebbero dovuti avvisare prima". Un problema di comunicazione, dunque. "Non siamo stati messi al corrente. A detta dei dirigenti del Real 100celle, loro avevano avvisato, via e-mail, il venerdì, circa la positività di alcuni tesserati. Quindi, in teoria, il CR Lazio ne era a conoscenza con 48 ore di anticipo. Sinceramente la cosa mi sembra strana, perché noi ed il direttore di gara non sapevamo nulla". Da capire le conseguenze. "Ci affidiamo alla federazione, alla quale, comunque, non abbiamo nulla da rimproverare. Se si dovesse rigiocare, lo faremo. Bisognerà trovare una data che faccia comodo ad entrambe. Rispetteremo la decisione, ma mi permetto di dire che non avvertire una società sulla mancata disputa di una partita è una cosa strana. Chiediamo più chiarezza, visto che c’è il rischio che accadrà più volte nel 2022, non solo a noi ma a chiunque altro".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE