Cerca

1ª categoria

Pro Formia, il Condor Verrengia: "Se segno tanto il merito è del mister"

L'attaccante ha steso l'Aurora Vodice mettendo in mostra tutte le sue doti da opportunista

02 Aprile 2022

Pro Formia, il Condor Verrengia: "Se segno tanto il merito è del mister"

Vittoria prestigiosa e del gruppo. Con un guizzo da rapace di Fausto Verrengia, il Pro Formia piega la capolista Aurora Vodice Sabaudia – che non perdeva proprio dalla partita d’andata –, consolidando il quarto posto e l’importante momento di forma dei ragazzi di Coppola. Che nelle ultime 7 partite hanno conquistato 17 punti, risalendo prepotentemente la classifica dalla zona playout. Fino a diventare una mina vagante, capace di stendere – tra le altre – San Giovanni Incarico e lo stesso Sabaudia. Che ormai ha gli incubi del Pro Formia, diventato ufficialmente bestia nera dei pontini. Ma il momento di forma dei ragazzi di Coppola non è casuale. Bensì frutto di alcuni aggiustamenti tattici. Tra tutti, la scelta di avanzare Verrengia in attacco. Trasformandolo da terzino a bomber adattato ma straordinariamente efficace. “Il mister ha visto in me delle qualità che nemmeno io sapevo di avere – ha ammesso -. Mi sto trovando molto bene in questa nuova posizione. Non capita tutti i giorni di vedere un difensore che si scopre con il vizio del gol. Nelle ultime 7 partite, ne ho segnati 8”. Non un caso che, nello stesso lasso di tempo, il Pro Formia si sia ripreso in classifica.

“Abbiamo trovato il giusto assetto. I risultati danno ragione alle scelte del mister”. Che potevano sembrare azzardate, ma si sono rivelate indovinate. Fino ad arrivare alla ciliegina sulla torta con l’Aurora Vodice Sabaudia, punita proprio da bomber – è il caso di dirlo, malgrado nasca terzino – Verrengia. “E’ stata una partita sofferta, ma così è ancora più bello. Il gol? Non è stato facile. Serviva un po’ d’intelligenza. Non è che io ne abbia molta, ma sono stato un rapinatore d’area. E’ stata una rete di furbizia. L’ho rivista in video, perché quando si è in campo non è che si ricordi proprio tutto. Ho analizzato il mio movimento da opportunista e devo dire che il mister ha avuto ragione. Se nelle ultime 7 partite ho segnato 8 volte il merito è suo, perché ha visto le mie doti da attaccante. E anche del preparatore atletico, che ci ha messi in forma. La dedica è per la squadra, il mister e la società, che non ci fa mancare niente. Un pensiero va anche alla famiglia, alla mia ragazza e a tutte le persone che mi sono vicine. Se le prestazioni stanno venendo fuori è anche grazie a loro”.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE

Dalle altre sezioni