Cerca

1ª categoria

Fiamignano, il dt Carmelino fa il punto "Ripetersi non sarà semplice"

I sabini, che hanno chiuso dietro alla Valle del Peschiera al secondo posto, sono soddisfatti della loro "prima" stagione in categoria

21 Giugno 2022

Fiamignano

Fiamignano, secondo posto finale

Il Fiamignano Equicola si è fermato ad un passo dalla gloria. I ragazzi di Senneca ci hanno provato fino all’ultimo secondo dell’ultima giornata, ma si sono dovuti inchinare al Valle del Peschiera. Decisiva la sconfitta casalinga del 15 maggio per mano della Spes Poggio Fidoni, nella terzultima giornata di campionato. Un ko che ha fatto scivolare i rossoblù giù dal trono che avevano conquistato all’inizio del 2022 dopo una rimonta – e una serie positiva – entusiasmante. Ciò non toglie che la cavalcata di capitan Antonio Anselmi e compagni resterà negli annali del Fiamignano Equicola, che andrà avanti con l’orgoglio del percorso intrapreso e la speranza di ottenere il ripescaggio. Il direttore tecnico dei rossoblù, Emilio Carmelino, si è lasciato andare ad un lungo racconto che riassume il percorso intrapreso da ottobre al 2 giugno e spiega le ambizioni future del club, sul quale potrebbero esserci interessanti novità. "Sabato c’è stato un pranzo – ha cominciato a spiegare -. Una giornata bellissima. Ne abbiamo approfittato per parlare di quello che dovrà succedere. Che pressioni vogliamo avere? Siamo dilettanti. L’obiettivo maggiore è valorizzare il territorio, far divertire i ragazzi del posto, senza farli spostare; come purtroppo fanno in molti. Se rientrassero tutti, il livello della competizione si farebbe serio. La società è giovane, siamo stati una sorta di neopromossa, visto che l’anno precedente non si era giocato, che ha fatto benissimo e ha le basi per proseguire su questa strada. Non dico migliorarsi, perché ripetersi non è semplice. Ci sono società che partono per vincere, noi siamo un pochettino più tranquilli. Forse ci divertiamo di più per questo motivo. Siamo scesi sempre in campo con 2004, 2003, abbiamo anticipato per progettare quello che magari poteva succedere: la Promozione. Abbiamo fatto un anno in cui fino a tre giornate dalla fine non eravamo dati per favoriti. Ma alla fine il campionato lo abbiamo perso noi, siamo arrivati cotti. Non ci possiamo lamentare, essendo una neopromossa. Andrea Mattia De Santis? Ha fatto un grande percorso, veniva dagli Allievi Regionali e ha chiuso in doppia cifra di reti”. Poi sul futuro. "Faremo domanda di ripescaggio, saremo pronti in caso di risposta positiva altrimenti ci riproveremo. Sarebbe più facile fare la Promozione, con meno aspettative, che non la Prima Categoria con l’etichetta di favorita. Siamo una piccola realtà in espansione e speriamo che i paesi limitrofi vogliano collaborare con noi per far crescere la zona, abbracciando tutta la vallata. Dal confine con l’Abruzzo fino a Rieti non c’è nulla. Vediamo se riusciamo a collaborare, forse riusciremmo a fare qualcosa di buono, per il territorio e i ragazzi. Se non si fa sociale, è un problema. Ci sono tanti piccoli talenti che potremmo far emergere, se valorizzassimo il tutto. Il presidente ci ha detto di divertirci l’anno prossimo, senza avere pressioni. Speriamo che continuerà ad esserci quest’aria amichevole. Troveremo le giuste collaborazioni, dovremmo anche cambiare denominazione societaria, ma l’importante è che resti invariato lo spirito".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE