Cerca

calcio femm

Serie A - Giulia Colini: "Voglio una Res da centro classifica"

L'intervista ala giocatrice giallorossa, abilissima nello stacco aereo, ormai da sei stagioni con la maglia capitolina

26 Agosto 2016

Giulia Colini

Giulia Colini

Giulia Colini

La chiamano "tombino" per la sua capacità di sbucare all'improvviso alle spalle delle avversarie ed anticiparle: Giulia Colini, pilastro della retroguardia della Res Roma, racconta la sua esperienza in giallorosso e auspica una stagione più "tranquilla" delle precedenti.

Sesto anno nelle fila della Res Roma, fai un bilancio di queste tue stagioni in giallorosso? "Come bilancio è molto positivo, soprattutto nelle prime stagioni: il primo anno abbiamo sfiorato la seria A e il secondo abbiamo vinto il campionato, per poi vivere stagioni gli altri emozionanti, dove ci sono stati momenti difficili pieni di sacrifici ma per fortuna sempre ricompensati bene con le salvezze".

Per tutti sei "il tombino" giallorosso: ti ci rivedi in questo soprannome? "Diciamo di sì, ormai lo sento mio per la mia statura ed abilità nel saltare".

Quali sono i ricordi più belli della tua avventura nella Res Roma? "I ricordi più belli sono nei primi due anni dove comunque era per me una nuova sfida: ovviamente il più bello è il primo anno di serie A, tutte sensazioni nuove e belle" 

Il momento più brutto? "Quelli più brutti sono stati l'infortunio che mi ha fatto stare 4 mesi ferma proprio il primo anno di serie A, e quest'anno quando abbiamo rischiato veramente la retrocessione".

Chi sono il calciatore e la calciatrice a cui ti ispiri? "Come calciatrice mi piace Bartoli mentre come calciatore De Rossi".

Inizia un'altra stagione difficile, di nuovo con 4 retrocessioni su 12 squadre al via. L'obiettivo resta la salvezza? "Sì ovviamente la cosa più importante sarà puntare alla salvezza ma spero in modo più tranquillo, anzi io spero anche in un posto di metà classifica"


Capitolo scudetto: chi vince il tricolore? "Secondo me il Brescia continua ad essere la squadra più fornita e determinata per vincerlo".

Come giudichi la campagna acquisti della tua squadra? "Molto buona: tre elementi di valore, tra cui due giovani con un ottimo margine di crescita e Melania che a me è sempre piaciuta come giocatrice".


Due parole su mister Melillo... "Che dire... è un grande allenatore pieno di valori e idee, pieno di grinta e voglia di vincere, che ti riesce a trasmettere in maniera giusta; e soprattutto è una grande persona sempre pronta ad aiutarti e sostenerti sia fuori che dentro al campo".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE