Cerca

pallanuoto

A1 - La Lazio inizia male: Brescia passa al Foro Italico

I lombardi vincono all’esordio in campionato. Doppiette per Giorgi e Cannella tra le fila dei biancocelesti

20 Ottobre 2016

Una fase del match

Una fase del match

SS LAZIO NUOTO-AN BRESCIA 6-13

SS LAZIO NUOTO Correggia V. , Tulli A. , Colosimo F. , Ambrosini G. , Vitale A. , Di Rocco L. , Giorgi D. 2, Cannella G. 2, Leporale M. 1, De Vena W. 1, Maddaluno R. , Mele A. , Washburn W. ALLENATORE Tafuro

AN BRESCIA Del Lungo M. , Manzi E. 1, Presciutti C. 2, Randelovic S. 1, Paskovic V. 3, Rizzo V. 4, Guerrato S. , Nora A. , Presciutti N. , Bertoli Z. 1, Ubovic N. , Napolitano C. 1, Moretti ALLENATORE Bovo

Una fase del match

La Lazio regge solo due tempi contro il più quotato Brescia nella prima giornata di campionato di serie A1. Il risultato ha visto i lombardi prevalere 13-6 nella piscina dei Mosaici al Foro Italico dove erano presenti oltre trecento tifosi che hanno provato a caricare i loro beniamini in una partita che già sulla carta molto complicata. L’allenatore Massimo Tafuro ha avuto buone indicazioni soprattutto nella prima metà della gara, durante la quale i suoi ragazzi sono rimasti sulla scia degli avversari grazie soprattutto alla buona vena di Giorgi e Leporale. Assenti Di Rocco e Narciso. Tra i giovani bene De Vena e Cannella, quest’ultimo ha trovato una bella doppietta nel finale. Tra i pali Correggia nei primi tre tempi, poi spazio a Washburn nell’ultimo periodo, al debutto con la calottina laziale in campionato, come Tulli.

 

La partita Il Brescia dà subito un’impronta decisa alla partita realizzando tre gol nel primo tempo con Christian Presciutti, Manzi e Bertoli (0-3). Le aquile si svegliano nel secondo periodo sotto il segno di Giorgi che realizza una doppietta in rapida successione (2-3). Il Brescia trema, ma poi riesce ad allungare con Rizzo e Paskovic (3-5). Prima dell’intervallo lungo c’è spazio per altri quattro gol: quelli di Leporale e De Vena per la Lazio, di Paskovic e Napolitano (4-7). Tra il terzo e il quarto tempo il Brescia dilaga con una tripletta dell’ispirato Rizzo e i gol di Christian Presciutti e Randelovic (4-12). La Lazio si risveglia nel finale con una doppietta di Cannella, Del Lungo para un rigore a Tulli e a venti secondi dalla fine Paskovic sigla il definitivo 6-13. L’allenatore della Lazio Nuoto, Massimo Tafuro: “Guardo il bicchiere mezzo pieno. La partita era difficilissima, sapevamo di incontrare una delle squadre più forti d’Europa. Il nostro atteggiamento è stato positivo, abbiamo lottato su tutti i palloni, quando abbiamo avuto la possibilità siamo sempre ripartiti in controfuga e non abbiamo mai mollato. Ci sono stati alcuni errori tecnici e dovuti all’inesperienza, ma quelli si superano con il lavoro. Se i ragazzi ci credono, possono crescere tanto. Stiamo lavorando bene, ho visto tanto dinamismo in vasca, abbiamo sofferto meno di quanto mi aspettassi. Il gruppo condivide il lavoro, il gioco e si mette a disposizione. C’è tanto da migliorare, ma possiamo farcela”. Il giocatore della Lazio Nuoto, Raffaele Maddaluno: “Sapevamo sarebbe stata una partita difficile. Era importante per noi entrare in vasca con la determinazione giusta e disputare una partita in vista delle prossime e per confrontarci con una realtà superiore alla nostra e con giocatori importanti. Siamo stati concentrati, anche se ci sono state alcune ingenuità che anche con avversari di livello si possono sempre limare. Il risultato è stato piuttosto contenuto, anche se volevamo rimanere attaccati maggiormente al risultato. Ora dobbiamo pensare al futuro e crescere partita dopo partita. Sono gare che ti mettono alla prova e ci servono per crescere. Dobbiamo continuare a starci con la testa, con la giusta grinta contro ogni avversario. Abbiamo approcciato bene alla gara, per quanto riguarda il livello tecnico e tattico dobbiamo limare quegli errori che abbiamo commesso oggi”.


Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE

Dalle altre sezioni