Cerca

pallanuoto

A2 - La Roma batte Cagliari in Gara 1 dei play off

Al termine di una partita molto tesa, i giallorossi conquistano il primo preziosissimo passo delle semifinali dopo i tiri di rigore

01 Giugno 2017

Il portiere della Roma De Michelis

Il portiere della Roma De Michelis

ROMA NUOTO - PROMOGEST 10-9 dtr (7-7)


ROMA NUOTO De Michelis, De Robertis, Faraglia, Fiorillo 1, Panerai 1, Navarra, Spione, Moroni, Lapenna 3, Setka 1 (1 rig.), Africano, Letizi, Faiella 1 ALLENATORE Fiorillo

PROMOGEST CAGLIARI Cavo, Coluccia, Licata, Mugnaini 2, Cannas, Maresca, Pagliara, Vuleta 2, Deidda, Cambiaso, Calli, Russo 1, Postiglione 2 ALLENATORE Pettinari 

Il portiere della Roma De MichelisE’ dunque ancora la lotteria dei rigori a fare la differenza, nel bene e nel male, nei playoff dei giallorossi. Come nelle finali dello scorso anno, con la vittoria in Gara 1 e l’amarissima sconfitta in Gara 3, sono di nuovo i tiri dal dischetto a decretare la sorte degli uomini di Mario Fiorillo, questa volta già dalle semifinali. Adesso si dovrà tornare subito al lavoro per farsi trovare pronti in Gara 2, mercoledì 7 giugno a Cagliari, alle ore 18.30. La cronaca. Partenza contratta da ambo le parti. Dopo due superiorità sprecate, la Roma approfitta di una terza occasione con l’uomo in più con capitan Luca Fiorillo, ma la Promogest trova subito il pareggio con una efficace palomba. A pochi secondi dalla sirena, i giallorossi ritrovano il vantaggio con il centroboa Michele Lapenna. In avvio di secondo tempo la Roma conquista il 3-1 per mano di Panerai, ma gli ospiti ritrovano subito la parità siglando due reti consecutive. Arriva anche il sorpasso dei sardi, che si portano sul 4-3, ma la Roma risponde con la seconda rete di giornata di Michele Lapenna. Gli ospiti tornano in gol allo scadere, chiudendo il parziale sul 4-5. Il terzo tempo si apre con un rigore trasformato da Andelo Setka. Dopo altre opportunità sprecate, la Roma approfitta di una superiorità per tornare in vantaggio grazie ad Alessandro Faiella. Il terzo tempo si chiude sul 6-5.L’ultimo quarto si apre con il nuovo pareggio della Promogest, ma i giallorossi tornano subito in vantaggio grazie al “solito” Michele Lapenna, tra i migliori in vasca, a segno in superiorità. Ancora occasioni gettate al vento dalla Roma, troppo confusa in fase offensiva, e la Promogest ne approfitta per riconquistare la parità, che porta la gara ai tiri di rigore. I tiri dal dischetto sorridono subito ai capitolini, con il primo errore della Promogest. A segno per la Roma Fiorillo e Panerai, ma l’errore di Faiella riporta in gara i sardi. Per i giallorossi sale in cattedra il talento di Francesco De Michelis – classe 99 – che para il tiro dei cagliaritani. I giallorossi vanno a segno con Roberto Africano, ed è ancora De Michelis a consegnare la vittoria ai suoi, parando il secondo rigore consecutivo e chiudendo la sfida sul 10-9. “Innanzitutto voglio fare i complimenti al Cagliari che ha giocato un’ottima partita” le prime parole del tecnico Mario Fiorillo. “Quello che avevamo preparato per quanto riguarda la fase difensiva ha funzionato molto bene, ma abbiamo trovato troppe difficoltà in attacco. Ovviamente i rigori sono una lotteria ed è andata bene a noi. Le partite dei playoff sono gare a sé, e i valori sono quasi azzerati. Dobbiamo essere pronti a lottare e a soffrire, perché il Cagliari ha dimostrato di avere la voglia e le armi per metterci in difficoltà. Dobbiamo assolutamente ritrovare serenità in fase offensiva, oggi abbiamo costruito molte situazioni, ma abbiamo mancato troppe occasioni, anche con giocatori soli davanti alla porta. Lavoreremo nei prossimi giorni sugli aspetti che hanno funzionato meno e vedremo cosa succederà mercoledì prossimo”. “Quelle dei playoff sono partite sempre particolari, soprattutto la prima è sempre difficile da approcciare” il commento di Alessandro Faiella. “Non abbiamo iniziato nel migliore dei modi e portare una partita del genere ai rigori è stato un grande rischio. Per fortuna questa volta è andata bene, abbiamo portato a casa la partita e lavoreremo in settimana per migliorare, soprattutto per quanto riguarda l’aspetto mentale. Oggi in vasca ci è mancata la tranquillità, dobbiamo cercare di mantenere la concentrazione per tutti e quattro i tempi, perché è così che si vincono le partite. Quello di Cagliari è un campo difficile, in casa loro avranno quel qualcosa in più per dire la loro. Dovremo stare attenti e giocare la nostra pallanuoto per cercare di vincere anche in trasferta”.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE