Cerca

basket

B- Palestrina contro HSC: la grande e la rivelazione

Dopo l'ampia vittoria su Palermo la squadra di Ponticiello dovrà sfidare i capitolini, che stanno sorprendendo

03 Gennaio 2019

Palestrina, Beretta ©Bonanni

Palestrina, Beretta ©Bonanni

Palestrina, Beretta ©Bonanni

Epifania in campo per Palestrina che apre l’anno nuovo con la trasferta dell’Axa sul parquet della rivelazione HSC. La società romana che ha ereditato il titolo della Stella Azzurra Roma è stata la miglior sorpresa in un girone già altamente competitivo, riuscendo ad inserirsi nella corsa ai primissimi posti. Allenata da un veterano come coach Bizzozi, ha fatto dell’asse play-pivot Bruni-Visnjic il punto cardine di un gruppo per il resto molto giovane. Bruni è stato il trascinatore di Barcellona fino al momento del suo trasferimento, leader carismatico che sa come passare la palla e come andare a canestro, di Visnjic i tifosi prenestini sanno tutto e sarà il grande ex della serata. Attenzione rivolta al miglior under del campionato, quell’Aristide Mouaha (appena 2000) capace di viaggiare a 17 punti di media e catalizzare la manovra con la sua tecnica e fisicità. Camerunense di nascita come l’altro osservato speciale Joel Fokou, coetaneo e miglior stoppatore di tutto il campionato. Sotto canestro i due Ndzie, Bertrand classe 1999 e Kevin classe 2003, mentre il quinto prospetto proveniente dal paese africano (dove è stato aperto un progetto di collaborazione studio/sport) è l’ala Keller, 13 minuti e 4 punti di media. Gli ultimi quattro elementi di un roster lungo e variegato sono il play-guardia Marco Reali, ex Tiber e Valmontone, uno scudetto Under 15 alla Vis Nova prima del trasferimento a Siena. Poi il sorprendente 2002 moldavo Dron dopo un inizio timoroso ha accumulato quasi 20 minuti a gara, e infine i 2000 Di Simone e Costi, Nazionale Under 18.In classifica in vista di quest’ultima giornata d’andata l’Hsc è proprio la prima inseguitrice di Palestrina, che si trova a 20 punti dietro il trenino formato da Caserta, Salerno e Matera, ognuna delle quali separata da soli due punti. Persi gli scontri diretti con le battistrada, ai prenestini serve assolutamente cogliere un successo di prestigio per rilanciarsi e non perdere contatto con le posizioni di vertice, chiudendo così la prima metà di regular season assolutamente in linea con la tabella di marcia. In attesa che la sfortuna, tornata a colpire nelle ultime settimane, consenta finalmente di vedere all’opera per la prima volta il roster a servizio completo.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE