Cerca

Pallavolo

Top Volley, Sottile: "Se non si è al 100% è difficile venirne fuori"

La società pontina cede anche con il Ravenna e prosegue il suo momento negativo

21 Dicembre 2020

Top Volley

Top Volley battuta anche dal Ravenna

Dopo la sfida persa con il Consar Ravenna il capitano e palleggiatore della Top Volley Cisterna ha parlato del momento negativo che la squadra sta attraversando. "È molto difficile farsi un’idea della situazione che stiamo vivendo, lo dico perché siamo partiti con grande entusiasmo, pensavamo di poter ambire a qualcosa in più rispetto agli ultimi anni in cui avevamo sempre lottato e faticato però purtroppo la stagione è iniziata con mille problematiche e poi si sa che il campionato italiano non ti permette di avere pause - ha spiegato Daniele Sottile ad After Hours, la Superlega di notte, il programma di Andrea Zorzi e Andrea Brogioni - Noi purtroppo abbiamo iniziato a perdere fin da subito, in queste situazioni si creano altre dinamiche che vanno al di fuori della tecnica e della tattica, noi stiamo combattendo e lottando con le teste di 13 giocatori che sono in grossa difficoltà più mentale che tecnica in questo momento".
 
Poi Sottile risponde alle domande: "Il mio ruolo? Quest’anno partivo da dietro per aiutare Seganov a inserirsi, il problema è che sia io che lui abbiamo grosse difficoltà: inutile nascondersi e negare l’evidenza. Siamo tutti in difficoltà, poi ci sono partite in cui qualcuno riesce a fare un’ottima prestazione ma in questo campionato se non si è tutti al 100% è difficile venirne fuori".
 
Il palleggiatore viene stimolato poi sul ricordo delle Olimpiadi di Rio dove ha conquistato la medaglia d’argento e su chi potrebbe essere il secondo regista della Nazionale. «L’esperienza olimpica di Rio mi fa tornare un po’ il sorriso, ricordo momenti splendidi di un grande gruppo: siamo arrivati vicini a qualcosa di notevole e, anche a distanza di tempo, c’è sempre un pizzico di rammarico perché eravamo pronti per prenderci l’oro ma poi ci sono anche gli avversari e comunque resta il fatto che abbiamo fatto un grandissimo percorso. Giannelli è un punto fermo ma ci sono altri che stanno facendo un grande campionato, penso a Sbertoli che è cresciuto tantissimo, ma anche Travica e Saitta stanno facendo un grande campionato, poi sarà chiaramente il commissario tecnico a fare le sue scelte».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE

Dalle altre sezioni