Cerca

pallavolo

B - Roma 7 seconda e in attesa. Parola a Morelli, Quagliozzi e Marrazzo

Dopo il successo contro Viterbo la squadra del PalaGiorgi attende il 24 aprile per chiudere la sua regular season

31 Marzo 2021

Roma 7

Roma 7, da sinistra Quagliozzi, Marrazzo e Morelli

Con il rotondo successo contro la VolleyLife Viterbo, Roma 7 ha messo in banca 16 punti in nove partite fin qui disputate. Ne manca soltanto una all'appello, quella contro la Fenice, formazione che causa Covid-19 ha diverse gare da mettere in archivio e sarà chiamata ad un importante rush finale prima del 2 maggio, data ultima indicata dalla FIPAV per poi procedere ai play off. La Fenice potrebbe arrivare in testa al girone G2 e lasciarsi indietro tre avversarie, tra le quali anche la squadra di Morelli, attualmente al secondo posto dietro la Lazio, prima con 18 ed una gara in meno. I play off sono quindi raggiunti in casa romasettina, ma bisognerà vedere con quale posizione. C'è tempo per pensarci visto che tornerà in campo non prima del 24 aprile. Tempo quindi per lavorare e pensare a cosa limare in vista della fase calda della stagione. Claudio MorelliFrancesco Quagliozzi e Federico Marrazzo, inquadrano così presente e futuro della squadra.

Claudio Morelli "Nel match contro Viterbo all'inizio eravamo un po'arrugginiti, poi ci siamo sciolti. Potevamo giocare meglio, loro sono rimasi punto a punto, ma alla fine siamo riusciti a portarla a casa. Al momento siamo al secondo posto, in attesa di recuperare con la Fenice e di vedere cosa faranno loro nelle gare che recupereranno, sicuramente noi abbiamo sempre dato il massimo. Sono contento, ma non sono soddisfatto, quello lo sarei stato con 30 punti. Intanto proveremo a prenderne altri 3 e poi ce la giocheremo nei play off nazionali. Quello che ci ha consentito di fare così bene è stato il fatto di essere una squadra e poi un gruppo. Dopo tanti mesi a casa in cui l'unica scusa per uscire era andare a fare la spesa, la pallavolo ha salvato la mia salute mentale. Anzi, colgo l'occasione per ringraziare la FIPAV e la società per permetterci di giocare. Giocare in questa squadra ti dà delle motivazioni in più e questo è fantastico. In palestra ci aiutiamo a vicenda ed è questo l'unico modo per essere pronti in vista delle nuove sfide"

Francesco Quagliozzi Ha da poco festeggiato i suoi 18 anni, con tutte le restrizioni del caso "Qualche amico a casa ed alcuni collegati online, purtroppo non si può fare molto di più. E' stato comunque emozionante". Emozione che non tradisce in campo, mettendo insieme un mix di maturità (ha giocato anche con l'Italia U18) e spensieratezza "Questo è necessario se si vuole raggiungere un obiettivo, con l'ansia non si gioca bene. In questa squadra ammiro dei giocatori di livello come Morelli e Marrazzo, che sono ottimi, anche sotto il punto di vista umano. Cerco di avvicinarmi a loro e di raggiungere il loro livello che serve poi per centrare l'obiettivo tutti insieme". 

Federico Marrazzo "Essendo nuovo in questa squadra mi sono presentato per quello che sono, ossia un ragazzo scherzoso e rilassato. Ho trovato una squadra di bravi ragazzi che ha tanta voglia di lavorare. Il mio ruolo (pallegiatore, ndr) mi impone anche di fare delle richieste specifiche ai compagni e al tecnico, perché tocco tutti i palloni e quindi ho bisogno di questo. Ma ovviamente non si fa sempre come dico io. Come nuovo arrivato potevo magari trovare qualche difficoltà in questo, visto che ci sono ragazzi che giocano da anni insieme e potevano non apprezzare alcune scelte, ma invece ho trovato grande disponibilità. Mi piace il gioco veloce, spingere molto la palla, quindi in campo dobbiamo trovare un compromesso. Dal contesto cui provengo (ha giocato anche nel massimo campionato) qui il gioco è più lento e quindi non è sempre semplice far adattare il mio modo di giocare, ma con affianco uno come Morelli, ad esempio, so che sbaglio la palla lui sa convertirla al meglio". 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE