Cerca

pallavolo femminile

B2 - United Pomezia, Corvese non si nasconde "La promozione il nostro obiettivo"

Le rossoblù di Nulli Moroni hanno concesso solamente due set da inizio stagione. L'esperta centrale fa un bilancio prima della sfida di ritorno con Grosseto

20 Maggio 2021

Viviana Corvese

Viviana Corvese, centrale della United Pomezia

Non ha mai perso fin qui la United Pomezia, anzi, per meglio dire, ha davvero concesso le briciole alle avversarie. Due sono infatti i set che la squadra di Nulli Moroni ha perso per strada nella sua straordinaria cavalcata che la sta portando verso la B1 e che, dopo il 3-0 contro Grosseto ottenuto in trasferta mercoledì, ha ancora più sostanza. In tutte le sfide che le rossoblù hanno dominato e vinto c'è Viviana Corvese, centrale d'alto profilo che ha militato anche in A2 e che con la casacca pometina sta ringiovanendo la sua voglia di attaccare sotto rete. 

Viviana, un conto è vincere un conto è dominare: vi aspettavate una stagione così? "Siamo sulla strada tracciata lo scorso anno e con questo gruppo non era difficile di giocare un campionato così. Ci siamo organizzate, è stata anche rinforzata la panchina ed è salito quindi il livello della nostra squadra. In allenamento ci impegniamo molto e mettiamo in difficoltà l'una con l'altra cercando quindi di migliorarci sempre. Questo poi si vede anche in partita. Abbiamo affrontato sia squadra giovani e talentuose che gruppi più strutturati come il nostro, come ad esempio Grosseto. La promozione è il nostro obiettivo, non ci nascondiamo affatto". 

Cosa non dovrete sbagliare sabato nel match di ritorno? "Non c'è qualcosa che non dobbiamo sbagliare, piuttosto dobbiamo tenere alta la concentrazione. La sfida ripartirà da 0-0 e se hai la testa giusta puoi portarla fino in fondo. La tecnica e la tattica l'abbiamo allenata in questi mesi, quindi sicuramente ciò che non deve mancare è la testa per ottenere il passaggio del turno". 

Un campionato in cui il livello si alza col tempo che passa, che stagione è stata per te che ne ha vissute tante? "Una stagione davvero anomala. Si faceva fatica all'inizio a prendere il ritmo gara, sono cambiate tante regole. Siamo passate dal girone unico ad un mini girone e poi ad un altro ed è stato faticoso mantenere la testa negli allenamenti senza un vero obiettivo, come eravamo abituate. E' difficile mantenere il livello se pensi che di norma in un campionato si giocano dalle 24 alle 26 gare mentre quest'anno in 10-12 devi dare il massimo. Quando è uscita la novità del girone ci siamo un po' arrabbiate, così come quando non è stato permesso alla prima in classifica di passare il turno. Adesso però tutto è passato e ci stiamo godendo questi play off. Sono sempre bellissimi, c'è un'adrenalina particolare e siamo felicissime di mettere in pratica quello per cui ci alleniamo". 

Come vedi il tuo futuro sotto rete? "Difficile parlare di futuro nel pieno dei play off. Sicuramente a fine stagione farò i miei conti, ma finché il fisico regge voglio continuare. La voglia non manca e l'ambiente della United Pomezia non fa altro che farla crescere, E' una società che si sta sempre più strutturando e che fa le cose per bene. C'è tanto entusiasmo e quindi anche divertimento nel fare le cose. Prima mi concentrerò su queste ultime gare, poi vedremo". 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE

Dalle altre sezioni