Cerca

serie A2

Mirafin, carica Gobbi "La Serie A2 non mi spaventa"

Nonostante l'ampio salto di categoria fatto dalla C1 il giovane '99 rossoblù è pronto a prendersi le sue responsabilità

09 Ottobre 2018

Andrea Gobbi

Andrea Gobbi

Andrea Gobbi

E’ tornato a casa, ma non c’erano dubbi, Andrea Gobbi è praticamente nato a casa Mirafin, a via Venezia 64

è spesso lui ad organizzare e gestire i tornei estivi più noti del litorale romano, il papà Claudio è tra gli artefici del successo della scuola calcio, la mamma Silvia è il braccio operativo del patron Raffaele Mirra. Un breve periodo in prestito, qualche mese per soddisfare la curiosità di provare qualcosa di nuovo, un’esperienza necessaria anche per uscire da quella ‘comfort zone’ che spesso induce ad un po’ di rilassatezza. Da inizio stagione, Andrea è tornato agli ordini del suo mentore Armando Mirra, il tempo di scordare i campi in sintetico e nuovamente sul parquet, e non uno qualunque, il parquet comandato da mister Salustri.

Andrea, raccontaci il tuo 2018 sportivo "Lo scorso anno, in realtà la Mirafin aveva ambizioni, seppur sottaciute, di tentare il salto di categoria ed aveva allestito una rosa competitiva dove per un ’99 come me non sarebbe stato facile trovare spazio. Quindi ho preso una decisione molto sofferta, lasciare i compagni, un mister come Salustri che io preferisco chiamare maestro, è stato molto difficile, ma volevo misurami in un campionato difficile anche dal punto di

vista fisico quale è la C1. Sono stati mesi impegnativi ma l’obiettivo era quello di tornare in Mirafin più forte e più completo di quando ero partito"


Da questa settimana di nuovo in prima squadra e subito l’esordio in A2: "Sì, passare dalla C1 alla seconda categoria nazionale in poco tempo poteva sembrare un azzardo, ma sotto la guida del mister mi è sembrato semplice, mi sono sentito tranquillo. Ho dato un piccolo contributo ma nella vittoria contro la Roma c’è anche del mio"

Adesso quali sono i tuoi obiettivi personali "Nella Mirafin ci sono le condizioni migliori per proseguire il mio percorso di crescita ma dipenderà da me. Sono convinto che giocare a fianco dei campioni che ci sono in prima squadra e con i consigli del mister sarà tutto molto più semplice, ma sarò io a dover dimostrare di poter ‘saltare’ Gioia o di poter difendere con efficacia su capitan Marcelo"

Andrea, credo che anche Mister Mirra conti molto su di te per l’under 19 "Spero di si, se in under 19 non fossi un giocatore importante, da quintetto base con minutaggio elevato, è chiaro che la prima squadra me la potrei scordare anche perché di ragazzi bravi ce ne sono molti, ed il mister pian piano li comincia ad inserire. Per noi giovani tempi e modi per salire di categoria sono fondamentali, spesso siamo impazienti, per fortuna in Mirafin c’è il maestro, sono in ottime mani"

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE

Dalle altre sezioni