Cerca

Under 19

Lazio, Colaceci: "Ripartenza segnale importante per il movimento"

Il responsabile delle giovanili biancocelesti analizza la ripresa del campionato dell'Under 19 nazionale

09 Febbraio 2021

Andrea Colaceci

Andrea Colaceci, responsabile delle giovanili della Lazio

Dopo un anno di stop, l'Under 19 nazionale è finalmente pronta a tornare in campo. Il 21 febbraio prenderà in via il campionato. Un torneo non obbligatorio, ma aperto alle società che vorranno viverlo. Tra queste, naturalmente, c'è anche la S.S. Lazio Calcio a 5, club storico del futsal nazionale e giovanile che non vede l'ora di riportare in campo i suoi ragazzi: “Siamo finalmente pronti a tornare a fare quello che amiamo, ossia giocare le partite ufficiali”. Non nasconde la sua soddisfazione Andrea Colaceci, responsabile del settore giovanile biancoceleste. “Sono convinto che questa ripartenza possa essere un segnale importante non solo per tutto il movimento giovanile, ma anche per tutto il mondo dello sport. Non dobbiamo mai dimenticare che l'attività sportiva porta alla socializzazione, al divertimento dei giovani e, allo stesso tempo, li spinge ad inseguire degli obiettivi. Insomma lo sport è un insegnamento importante per la vita. Noi come società Lazio siamo felici, in questi mesi ci siamo sempre fatti trovare pronti con allenamenti individuali e protocolli sanitari che abbiamo rispettato alla lettera”.

Grande voglia Un messaggio importante Andrea Colaceci lo rivolge ai ragazzi: “Va dato loro merito di essere sempre stati presenti al campo e di aver creduto anche in un obiettivo che non era ben chiaro. Non è facile allenarsi sapendo di non dover giocare. Siamo stati fortunati a lavorare con giovani con questa voglia di fare. Siamo contenti di ripartire, getteremo nuovamente le basi per il nostro futuro. Molti dei nostri giocatori sono già in rampa di lancio per diventare i nuovi Lupi, Capponi, Dell'Ariccia, Pantano e tutti quei ragazzi ormai in pianta stabile in prima squadra”.

Sport e socialità Non solo il risultato del campo, la ripartenza acquisisce anche un importante aspetto sociale: “I ragazzi possono tornare a vivere la competitività, la quotidianità dello spogliatoio e della gara del fine settimana. Dovranno riabituarsi anche a questa routine, fatta di allenamenti e partite. Questa ripartenza rappresenta un primo passo verso il ritorno alla normalità. Speriamo di essere anche da stimolo per tutto il mondo dello sport”. Alla guida della squadra ci sarà mister Cristiano Caropreso: “La persona giusta che ha sposato in pieno la nostra filosofia, la stessa da anni, che rappresenta anche la forte unione che c'è tra me e il presidente Daniele Chilelli. E' la prima volta che sono curioso di vedere all'opera i ragazzi per capire che piega potrà prendere questo anno così particolare”.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE

Dalle altre sezioni

Dalle altre sezioni

Dalle altre sezioni