Cerca

Serie A

L'Aniene centra la salvezza, Giuliani: "Una grande impresa"

Il tecnico giallonero esalta i suoi ragazzi per l'importante traguardo raggiunto

07 Giugno 2021

Claudio Giuliani

Claudio Giuliani, tecnico dell'Aniene (©Aniene)

La scelta di affidare la panchina dei capitolini a Claudio Giuliani, per il cruciale finale di stagione, si è rivelata brillante. Il giovane e promettente tecnico, in soli 35 giorni, ha condotto l’Aniene con bravura e personalità, inanellando tre vittorie in altrettante gare.
"Sicuramente, c’è grossa soddisfazione per la salvezza ottenuta - esordisce l’allenatore -. È un traguardo che tutta la società ci teneva a raggiungere e, perciò, sono orgoglioso di aver ‘traghettato’ questa squadra fino alla permanenza in Serie A. Abbiamo compiuto una grande impresa, tenendo presente che ci siamo ritrovati in mezzo a mille difficoltà: il fatto di essere entrato in corsa a soli 7 giorni dalla gara d’andata - che poi non si è disputata -, oltre all’impossibilità di allenarsi al 100% per con i continui rinvii. Tutte queste situazioni hanno dato ancora più rilevanza al risultato di Mantova".
"La partita è stata giocata tra due grandi compagini, che si ritrovavano, inspiegabilmente, a fare il playout. Per entrambi, certamente, si poteva fare meglio a livello di programmazione e risultati sul campo. Faccio i complimenti al Saviatesta, che è rimasto in corsa fino al 6-5 di Raubo. È stato un incontro dalle mille emozioni, che, fortunatamente, siamo riusciti a portarci a casa".
"Ringrazierò per sempre i presidenti Alessio Vinci e Andrea Mestichella per aver dimostrato di avere fiducia in me, affidandomi una ‘patata bollente’, come l’hanno chiamata tutti, perché prendere una squadra a una settimana dal playout non sarebbe stato facile per nessuno. Mi hanno fatto vivere quest’esperienza bellissima e formativa, che mi ha dato tanto. Un altro grazie speciale va a tutti i giocatori, che sono stati sempre al campo e hanno cercato di rimanere collegati a un discorso che rischiava di diventare una barzelletta con i continui rinvii. C’è forse il rammarico di non aver potuto lavorare benissimo, se non quando, nelle ultime due settimane, abbiamo avuto la definitiva certezza sulla data dello spareggio. I ragazzi hanno dimostrato di essere degli uomini veri, ancor di prima di grandi calciatori, perché non ci si salva se non hai a disposizione tali persone. Gli auguro tutte le migliori fortune. Ringrazio, infine, tutti quelli che mi sono stati accanto in questo scorso di stagione, in particolare Alessandro Cappellacci, Yuri Elisei, Daniele Di Stefano, Nicolas Lozzi ed Elvio Bultrini. Sono contento di questo risultato raggiunto, non poteva andare meglio di così". Ben fatto.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE

Dalle altre sezioni