Cerca

Serie C2/A

Hornets: pari in rimonta. Rapanà: "E' ora di tirare fuori il carattere"

La formazione di mister Carelli impatta dopo essere stata sotto nel punteggio e ottiene un buon punto

31 Ottobre 2015

Giorgio Rapanà

Giorgio Rapanà

Giorgio RapanàIl Presidente Gasponi aveva chiesto maggiore concentrazione ai suoi ragazzi. Ma la Sporting Hornets non va oltre il pari contro il CCCP 1987 (1-1). La formazione giallonera si fa cogliere di sorpresa e va sotto nella prima frazione di gioco che si chiude col punteggio di 1-0 a favore dei padroni di casa. Nella ripresa, riesce però a raddrizzare la gara, conquistando un meritato pari a due minuti dal fischio finale. Ma, come la dirigenza Hornets rimarca a fine partita,"ancora una volta stiamo parlando di due punti persi piuttosto che di un punto guadagnato", anche in considerazione delle gare che attendono i ragazzi di Carello, impegnati in Coppa col Città di Ciampino e attesi in campionato dalla doppia super-sfida contro Casalotti (in casa) e Atletico New Team (in trasferta). Ad offrire una riesamina fedele della partita odierna è il Direttore generale, Giorgio Rapanà: "E' stata una gara equilibrata. Ci hanno messo molto in difficoltà, soprattutto nel primo tempo, facendo pressione alta. Ci siamo trovati in difficoltà. Il CCCP ha avuto due occasioni e poi è andato in vantaggio con un tiro deviato in porta da un nostro giocatore. Hanno disputato una partita di attesa e abbiamo trovato difficoltà a trovare occasioni. Nella ripresa abbiamo aumentato la pressione, i nostri avversari hanno commesso qualche fallo in più, cosa questa che ci ha permesso di beneficiare di tre tiri liberi, i primi due falliti (Frangipane fuori, Gambelli parato, ndr), il terzo trasformato a due minuti dal termine, da Battistacci. Va anche detto che, fra i nostri primi due tiri liberi, il CCCP ha avuto un'occasione su punizione, sventata da Bucci che ha salvato il risultato tenendo la gara sull'1-0". Il rammarico di Rapanà non è rivolto al solo risultato ma all'atteggiamento della squadra, entrata in campo, a suo parere, con scarso carattere. Ecco dunque che le parole del Direttore generale vanno a scuotere il gruppo: "L'atteggiamento dei giocatori non è stato quello che ci aspettavamo. Non dobbiamo pensare di prendere goal e poi svegliarci. L'approccio mentale alla gara ci porta ad andare in svantaggio e a dover rincorrere. Dobbiamo cercare di imporre sempre il nostro gioco". Insomma, è ora che la Sporting Hornets tiri fuori il meglio e che lo metta in campo dal primo all'ultimo minuto, anche in considerazione dei prossimi impegni. Il primo, in settimana, contro il Ciampino, in Coppa: "Sarà una gara dove credo che il mister farà un po' di turnover - dichiara Rapanà - il Ciampino è una bella formazione, lotta per la testa della classifica e non sarà facile affrontarla". Nonostante il pari, la Sporting Hornets resta nelle parti alte della classifica, a 9 punti, ma la cosa non tranquillizza l'ambiente giallonero che guarda al calendario: nelle prossime due giornate di campionato, gli avversari della formazione del Presidente Gasponi saranno Casalotti e Atletico New Team, due delle formazioni più quotate alla vittoria finale: "Ci aspettano due partite difficili. Sapevamo di dover cercare di raccogliere più punti possibile nelle gare che hanno preceduto queste due sfide. Così non è stato: ci rimboccheremo le maniche. Il Casalotti ha pareggiato in casa col Real Fabbrica e di sicuro verrà da noi con molta motivazione. Ci faremo trovare pronti. Le partite importanti ci piacciono, sono belle sfide. Li affronteremo puntando ai tre punti".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE