Cerca

Serie D

Fagnani: "Giovanili base per prima squadra competitiva"

Il presidente del Real Arcobaleno presenti i progetti della società rossonera

22 Settembre 2017

Gianmarco Fagnani

Gianmarco Fagnani

Gianmarco Fagnani

Il Real Arcobaleno continua a crescere. La società del presidente Gianmarco Fagnani prosegue il suo lavoro dentro e fuori dal campo. Parallelamente alla preparazione della Serie D, chiamata ad un campionato di vertice, continua la programmazione della nuova stagione del settore giovanile. I numeri stanno dando ragione al club castellano, che sta aumentando esponenzialmente gli iscritti. E' proprio il massimo dirigente rossonero a tracciare un quadro della situazione.


Serie D. “Si respira un'aria positiva – esordisce il presidente Fagnani - Abbiamo allestito un gruppo formato da amici a cui abbiamo aggiunto innesti di peso. L'aspetto più bello è che si è già creata grande unità. I ragazzi sono pronti e carichi, abbiamo una rosa competitiva per puntare alla vittoria e salire in C2. Due anni fa abbiamo perso il campionato all'ultima giornata, lo scorso anno siamo arrivati terzi. Ora abbiamo una squadra con 17 giocatori, compresi 3 ottimi giovani, e vogliamo l'agognata promozione”.


Obiettivi. Il progetto del Real Arcobaleno non riguarda solo la prima squadra ma anche, e soprattutto, il settore giovanile: “Ci eravamo dati 5-6 anni di tempo per salire in C1 ed è quello che vogliamo fare. Le disponibilità economiche già ci sono, ma per farlo dobbiamo portare avanti un progetto che parta dai Primi Calci. In estate avevamo avuto la possibilità di fare la C2, ma non avevamo un gruppo di giovani pronti per la categoria. Abbiamo quindi deciso di rimanere in D, continuando a far crescere i nostri ragazzi. La nostra volontà è quella di arriva in C1 con una squadra composta da nostri giocatori. Quest'anno abbiamo raggiunto già i 170 iscritti ed è un numero che ci ha colto di sorpresa. Siamo cresciuti molto è ciò indica che è stato svolto un ottimo lavoro. Anche il tecnico Andrea Conti arriva dal settore giovanile. Noi abbiamo fiducia in lui, ed anche se lo scorso anno giocava al fianco dei ragazzi, siamo tranquilli perché è un tecnico in grado di far rispettare i ruoli”.


Numeri in crescita. “E' per noi motivo di orgoglio, ma ora bisogna mantenere questo livello”. Gianmarco Fagnani non nasconde la soddisfazione per i numeri ottenuti dal settore giovanile rossonero, ma è anche consapevole delle responsabilità che ne derivano. “Proprio per questo abbiamo aggiunto nel nostro organigramma nuove figure: due preparatori dei portieri, un preparatore atletico ed un direttore sportivo. I numeri ci danno ragione: i ragazzi sono contenti ed i genitori sono soddisfatti e questo per una società è il migliore dei risultati. Dobbiamo crescere ancora e portare avanti un lavoro importante, ma ci sono le persone giuste per riuscirci”.

Aspettative. “Solo partendo da un settore giovanile importante, si può creare una prima squadra competitiva. Il nostro compito è di far crescere i ragazzi fin quando vorrano stare con noi. Qui non vincoliamo nessuno e di anno in anno sono liberi di fare scelte diverse. Per noi è importante che stando con seguano in percorso di crescita, che sia utile per il loro futuro”.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE