Cerca

Serie C1

Italpol e Sporting Juvenia promosse in serie B

Si chiude il massimo campionato regionale: i verdetti arrivano solo all'ultima giornata

09 Aprile 2018

Lo Sporting Juvenia

Lo Sporting Juvenia

E' stata una stagione di C1 apertissima fino all'ultima azione dell'ultima giornata di campionato. Al triplice fischio finale sono lo Sporting Juvenia e l'Italpol a festeggiare per la promozione in serie B. Due gironi che alla fine hanno premiato le due squadre che hanno mostrato quella continuità e quel cinismo necessari per vincere una campionato complicato come quello della C1. Ma è stato un solo punto a fare la differenza, a dimostrazione dell'equilibrio che ha regnato nell'arco di tutto l'anno.


Lo Sporting Juvenia

Nel girone A è stato lo Sporting Juvenia a trionfare. Un risultato che in pochi si sarebbero aspettati alla vigilia del campionato. Mister Bagalà ha lavorato con una squadra giovane, che ha avuto bisogno di qualche settimana per trovare la giusta quadratura. Quattro ko nel girone di andata, infatti, sembravano aver compromesso la stagione del team biancoblu, attardato di 13 punti dalla vetta. Nel ritorno è invece cambiato qualcosa. Il primo traguardo importante è stato il raggiungimento della Final Four di Coppa Lazio, eliminando una corazzata come l'Italpol ai quarti. In semifinale la sconfitta contro il Cisterna, al termine di un match fantastico e ricco di emozioni, non ha ridimensionato i meriti dello Juvenia. Proprio la F4 è stata forse la molla che ha fatto scattare qualcosa nello Sporting. Nella seconda parte di stagione i ragazzi di Bagalà non hanno più avuto incertezze. Una sconfitta, un pareggio e undici vittorie hanno portato ad una rimonta fantastica, culminata nello scontro al vertice de L'Acquedotto del'ultima giornata: di fronte il Savio capolista e lo Sporting Juvenia. I padroni di casa con due risultati a disposizione, il team di Bagalà costretto a vincere per operare il sorpasso sul filo di lana. Il 6-5 per i biancoblu è stato l'ultimo capitolo di un libro fantastico scritto nell'arco delle 26 giornate.


La festa dell'Italpol (©Foto ©Bottiglia)

Nel girone B, invece, è stato un discorso diverso. Alla vigilia della stagione erano in molti ad accreditare l'Italpol dei favori del pronostico. Assieme al team di via del Baiardo c'erano il Cisterna, la Fortitudo Pomezia e la United Aprilia, con altre squadre pronte e ricoprire il ruolo di outsider. Alla fine è stato un testa a testa esaltante tra l'Italpol e la squadra di Esposito. La vittoria dei rossoblu nello scontro diretto di Pomezia aveva portato la Fortitudo in vetta. Un ko che ha spinto la società capitolina ad un avvicendamento sulla panchina, con il ritorno di Bizzarri. Il cambio ha dato i suoi frutti, l'Italpol da quel momento in poi ha infilato 11 vittorie consecutive, sfruttando l'unico passo falso del Pomezia nella sfida con il Cisterna. Con il successo contro il Real Stella l'Italpol ha blindato la vetta, conquistando la Serie B con una sola lunghezza di vantaggio.

La serie C1 ci ha regalato due storie diverse, ma dall'esito simile: Sporting Juvenia e Italpol volano in Serie B al termine di una stagione esaltante.


Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE