Cerca

Serie C1

Il Carbognano vuole stupire: sabato c'è l'Aranova

La formazione viterbese pronto a difendere tra le mura amiche la prima posizione in classifica

25 Ottobre 2018

Carbognano, primo in classifica

Carbognano, primo in classifica

Carbognano, primo in classifica

Proviamo a capovolgere la clessidra che certifica l’infimo scorrere del tempo. I granelli di sabbia tornano al punto di partenza mentre i giorni, i mesi e gli anni trascorsi all’ombra dei Monti Cimini escono dai cassetti della memoria e si posano sul cuore. Un viaggio meraviglioso ed effimero che ci riporta al 2012, quando Marco Cristofari, Maurizio Mariani e Marco Gasbarri diedero il principio ad un club che, a distanza di sei anni, continua ad illuminare le giornate dei propri tifosi. "Non avremmo mai immaginato di trovarci, in così poco tempo, a competere per la promozione in serie B. È una favola nata da un gruppo di amici che, quasi per gioco, hanno deciso di iscriversi al campionato provinciale di serie D. Un mix di fortuna e bravura, ci ha portati in C1. Poi i play-off lo scorso anno ed infine il sogno di questa stagione. Chissà. L’entusiasmo non ci manca." - ha commentato, con un velo neanche troppo sottile di emozione, Maurizio Mariani. Il Carbognano C5, attualmente, occupa il primo posto del girone B del massimo campionato regionale. Nel match dello scorso sabato, quello che ha portato la formazione cimina al vertice del campionato, i gialloverdi hanno espugnato il PalaSpes di Poggio Fidoni: "La vittoria contro il Fidoni ci ha conferito consapevolezza. Siamo cresciuti a livello psicologico. Sappiamo soffrire ed analizzare il match con lucidità, non posso chiedere di meglio. - ha commentato il patron Cristofori -. Siamo una corazzata? Non lo so, abbiamo cercato di dare al mister una squadra competitiva." Dopodomani, intanto, al Bianconi di Carbognano arriverà l’Aranova: "È una squadra che conosciamo da tempo e che abbiamo già affrontato in battaglie leali. C’è del rispetto reciproco. Dovremo cercare di portare a casa il risultato." - continua Mariani, mentre Cristofari, sul fronte obiettivi, non si nasconde: "Dopo la stagione disputata lo scorso anno, sarà difficile ripetersi o addirittura migliorarsi. Tuttavia, non possiamo esimerci dal provarci." Pessoa scriveva che sognare equivale a “vedere le forme invisibili della distanza imprecisa” e a Carbognano, borgo della Tuscia viterbese con più di duemila abitanti, c’è voglia di dare forma e vita all’obiettivo promozione: "Lavoreremo con umiltà e dedizione per riuscire a dare il meglio di noi stessi, affrontando ogni partita come fosse una finale. Il girone è equilibrato, ma nulla ci impedisce di sognare."

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE