Cerca

Serie C1

Santa Gemma, Ricci: "Ripartenza? Lo dovevamo ai ragazzi"

Il tecnico capitolino si prepara all'esordio, ma sottolinea il lavoro e la dedizione del suoi giocatori

20 Aprile 2021

Claudio Ricci

Claudio Ricci, tecnico del PGS Santa Gemma

Il PGS Santa Gemma è pronto a rimettersi in gioco. Fra poco più di tre giorni la formazione di Claudio Ricci ospiterà il Real Castel Fontana per la prima giornata del nuovo campionato di Serie C1: "Siamo contenti di ricominciare – spiega il tecnico -, dopo mesi di assenza dalle competizioni agonistiche. In questo periodo i miei ragazzi hanno continuato ad allenarsi, seppur in forma individuale, e questo non ci ha fatto perdere la routine di gruppo. Ovviamente da quando ci è stata data la possibilità di tornare ad allenarci normalmente, stiamo cercando di riprendere quella confidenza tecnico tattica che, inevitabilmente, si è offuscata in questi mesi di fermo. Stiamo però ritrovando i meccanismi offensivi e difensivi sui quali stavamo lavorando da inizio anno, per cercare di avere sempre una nostra identità, a prescindere da casa o trasferta e dal valore dell’avversario. I ragazzi stanno rispondendo bene, vedo entusiasmo, aspetto che reputo fondamentale per questo breve campionato che ci attende".

Ripartenza Proprio il ritorno in campo ha creato polemiche e discussioni tra chi era pro e chi contro. Il tecnico capitolino dice la sua: "Intorno alla ripartenza si sono create diverse posizioni. Le rispetto tutte. Rispetto chi ha deciso di non ripartire, per varie ragioni, così come rispetto le motivazioni di ognuna di quelle società che invece ha deciso di ricominciare, ben sapendo sia della difficoltà del momento dal punto di vista sanitario, sia degli impegni, economici e morali che, per rispettare il protocollo, ci attendono. Ci tengo però a sottolineare che la mia squadra riparte perché, come dicevo prima, in questi mesi abbiamo continuato ad allenarci nella speranza di un nuovo inizio. Ho spinto personalmente i ragazzi a non mollare in questo periodo. Proprio ora che ci veniva data la possibilità di ritrovare un briciolo di normalità, per loro rispetto, abbiamo preso questa scelta sicuramente non facile. Ovviamente non era la C1 che speravamo di giocare, dopo esserci conquistati sul campo una straordinaria promozione nella scorsa stagione. Penso però che tutta la nostra vita sia cambiata in questo anno, tante cose non sono come vorremmo che fossero, lo sport non fa differenza. E’ stata trovata questa formula breve, per tempistiche e costi, ci adeguiamo e la rispettiamo".

Obiettivi Quindi mister Ricci parla degli obiettivi stagionali dei suoi ragazzi: "I nostri obiettivi non cambiano rispetto allo scorso anno. Tre parole chiave: rispetto, umiltà e ambizione. Siamo arrivati in C1 perché abbiamo sempre lavorato nel tentativo di vincere ogni singola partita, ben sapendo che per strutture e mezzi economici, non partiamo favoriti contro nessuno. Questo però non deve essere un alibi per non lavorare nella giusta direzione. La nostra forza è sempre stata quella di pensare step by step, avversario dopo avversario, per cui la nostra attenzione è solo al Real Castel Fontana, squadra molto preparata che aveva iniziato il campionato con il 100% di vittorie".

Rosa Poche le novità nel roster rispetto ad inizio anno, a dimostrazione di un attaccamento alla maglia da parte dei ragazzi, come spiega lo stesso Ricci: "Nel periodo di stop agli allenamenti individuali siamo riusciti a lavorare sempre in buon numero, motivo per cui ci tengo a ringraziare ogni singolo ragazzo. Non dimentico nemmeno quelli che, per questioni di salute o di lavoro, hanno deciso di ritornare nelle loro case. Rispetto a settembre abbiamo perso solamente un giocatore, Michele Cibelli, il quale è tornato a Civitavecchia per aspetti lavorativi. Per il resto, il gruppo è lo stesso, con l’aggiunta di due portieri under 21 che sicuramente ci daranno una mano. Ci tengo però a concludere dicendo che il gruppo è lo stesso non solo nei numeri ma anche nell’animo. Stiamo creando mese dopo mese qualcosa di importante ed io sarò sempre grato ai miei giocatori per quanto stanno facendo. Noi allenatori, senza di loro, non siamo niente".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE