Cerca

Serie C1

Città di Anzio in Serie B: "Un sogno a cui nessuno avrebbe creduto"

Le reazioni a caldo dei portodanzesi dopo la finale di Genzano e la promozione nel campionato nazionale

15 Giugno 2021

Festa Città di Anzio

Festa Città di Anzio

Un girone concluso da protagonista a quota 12 punti (4 vittorie e una sconfitta) e una semifinale di Final Four giocata con il cuore, in cui riacciuffa il Cortina quasi allo scadere e ha la meglio ai calci di rigore che fanno scattare l'apoteosi dei propri tifosi, giunti numerosi al PalaCesaroni. Una storia magnifica. Una storia portata avanti dal Direttore Generale Fabio Locatelli, coadiuvato dal braccio destro Pasquale Papa e condotta alla grande da mister Marco Di Fazio e Gabriele Doria.

Fabio Locatelli "Complimenti a tutti per lo splendido percorso che abbiamo fatto quest'anno. Dal primo giorno di preparazione ad oggi. Complimenti per chi ha giocato poco o a chi non ha giocato per nulla, ma che non ha fatto mancare mai il suo incitamento. Complimenti ai giovani, che hanno dimostrato anche nelle Final Four che possono stare tdanquillame tra i grandi. Complimenti ai nostri tifosi, venuti in massa per trascinarci alla vittoria. Sono orgoglioso di tutti voi".

Pasquale Papa "Partiamo dalla fine, o meglio dalla finale. È stata una domenica di sport e gioia, entrambe le squadre erano consapevoli della conquista della Serie B ma allo stesso tempo entrambe volevano alzare la coppa. Ci dispiace non esserci riusciti noi, ma questo non toglie nulla a quanto di unico è stato fatto. E passiamo quindi a sabato. Giornata intensa, infinita, indimenticabile... Siamo passati dall'inferno al paradiso in soli due minuti. È qualcosa che non dimenticherò mai. Questo traguardo è la giusta ricompensa per quanto speso in questa stagione, per le notte in bianco mie e del direttore Fabio Locatelli a cercare di dare sempre il massimo ai giocatori, mister e gli altri collaboratori. Adesso ci prendiamo qualche giorno di pausa per recuperare energie mentale e fisiche, perché sappiamo già che nella prossima stagione dovremo essere ancora più bravi ed alzare l'asticella. L' obiettivo è sempre lo stesso, fare bene e far crescere la nostra società
Non posso passare ai ringraziamenti. Iniziamo dal comandante della nave, mister Marco di Fazio : uomo fantastico allenatore geniale. Siamo cresciuti tanto insieme e tanto cresceremo. E come non spendere due parole per Mr Doria, un applauso a Gabriele per la sua infinita voglia di apprendere e per le sue geniali pagelle. Passiamo al gruppo dirigenti/allenatori persone che sono il cuore pulsante del CDA e conservano la genuinità dei primi passi mossi da questa società ormai da oltre 10 anni e che saranno sempre un punto di riferimento e di confronto. Un applauso ai calciatori, che non hanno mai mollato, anche quando ormai le speranze di giocare erano ridotte al lumicino. Non si sono mai arresi e tutti insieme ci hanno fatto vivere un sogno. Chiudo con la persona più importante del Città di Anzio, Fabio Locatelli. Credetemi non può esistere il Città di Anzio senza Fabio.
È la vera anima della società. Adesso visto che come al solito mi sono dilungato mando un abbraccio ai tifosi che sabato sono stati sugli spalti con noi, semplicemente grazie":

Mister Marco Di Fazio "É stata una due giorni emozionante. Con il Cortina é stata una partita tesa, dove abbiamo davvero buttato il cuore oltre l'ostacolo e quella partita é entrata di diritto nella storia di questa società. Domenica invece abbiamo incontrato una squadra forte e rodata e l'abbiamo affrontata a viso aperto. In questa partita, abbiamo voluto sottolineare il valore che la società aveva già dato ai nostri giovani facendogli fare un circuito nazionale e il lavoro dei tecnici del settore giovanile che hanno cresciuto i nostri ragazzi. Vedere ragazzi di 17-18, massimo 19 anni, imporsi con personalità, é stato un grande orgoglio. Ora, insieme alla società, ci godiamo questo traguardo, festeggeremo a casa nostra e ci prepariamo per il prossimo futuro"

Mister Gabriele Doria "È stato un anno lungo, strano, difficile...ma allo stesso tempo bellissimo. Abbiamo coronato un sogno forse impensabile ad inizio anno. Vanno fatti i complimenti alla società, che in un periodo così difficile per chiunque, ha dato delle certezze allo staff e soprattutto a tutti i giocatori. Si è battuta per dare una realtà importante ai ragazzi dell'under 19, senza pretese o ambizioni di risultato, ma soltanto per i valori dello sport e del bene che quest'ultimo faccia ai giovani.
È stata giustamente ripagata, con una promozione storica in serie B. Di questo vanno fatti i complimenti soprattutto ai ragazzi, che hanno lavorato costantemente senza mollare mai, sotto la guida del mister, autentico protagonista e regista di tutta la stagione, che ha riportato un'identità e un carattere che ormai mancavano da anni. C'è un pizzico di rammarico per la coppa. Un'ultima partita che ci ha visto batterci alla pari con una grande squadra e dove con un pizzico di fortuna e di lucidità in più, forse sarebbe finita diversamente. Ne usciamo a testa alta, da squadra vera e soprattutto con un biglietto per la serie B.
Nella finalissima, per molti minuti, sono stati in campo contemporaneamente 4 ragazzi under, dove hanno mostrato tutta la loro personalità e le loro qualità, mettendo in difficoltà il Frosinone. Questo fa capire che l'obiettivo raggiunto quest'anno non è un punto di arrivo, ma bensì un punto di partenza per il futuro del Città di Anzio. Ieri ho mandato un messaggio a tutta la squadra: "Ci tenevamo tutti a vincere la coppa, ma abbiamo perso una finale a testa alta, giocandola alla pari con una bella squadra. Oggi però dovete essere felici per quello che è stato e per quello che avete fatto. Sfoggiate con fierezza la maglia celebrativa.
Avete scritto la storia del Città di Anzio, portandolo in serie B. Siate orgogliosi di voi stessi perché noi lo siamo". Questo è quello che penso, questo è quello che pensano i tifosi. Grazie ragazzi!"

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE