Cerca

SERIE D

Ulivi Village, Balzani: "Ecco il segreto della società"

Daniele Balzani commenta la stagione e l'ultima gara di campionato parlando della Serie D e stilando una sua "Top 3" personale

10 Maggio 2018

Daniele Balzani

Daniele Balzani

Ultimo aDaniele Balzanippuntamento ufficiale per il campionato 2017/2018 della Serie D degli Ulivi Village. A parlare, a due giorni dal match, Daniele Balzani: "Sabato è stata una gara importante - spiega il numero 21 degli Ulivi - perchè ci ha dato la possibilità di rimanere al quarto posto e di tenere fede alle attese della società che aveva chiesto una conferma della nostra concentrazione, nonostante siamo a fine campionato. All'andata mi sono sembrati una squadra molto quadrata, forse anche aiutati dal fattore campo. Invece sabato siamo stati superiori in quanto conoscevamo il loro punto di forza, cioè le giocate dei singoli avendo loro in rosa giocatori tecnicamente validi e rapidi nei movimenti. Siamo riusciti a rimanere saldi e abbiamo dilagato nel finale. Secondo me siamo cresciuti e abbiamo mantenuto una costante concetrazione. Diciamo che abbiamo perso dei punti nella prima parte di stagione, che sulla carta avremmo dovuto ottenere,  e si sono rivelati fatali per allontanarci dalle prime due della classe in quanto sono state sconfitte che sono arrivate una dietro l'altra. Per l'anno prossimo credo che iniziare nel migliore dei modi sia la chiave per non trovarsi a dover rincorrere". Dopo l'analisi del presente, si passa a commentare i suoi compagni di squadra e alcuni suoi avversari: "Al numero 3 metto Leonardo Rossetti, mio compagno di squadra, in quanto nonostante la giovane età ha dimostrato di trovarsi a proprio agio anche a doversi confrontare con gente che magari veniva da categorie superiori e nella fase difensiva credo sia uno dei migliori del girone. Al numero 2 metto Masi delle Palme. Si vede subito che essendo un giocatore di esperienza guida la squadra in ogni manovra e si fa sentire parecchio. Credo che ogni squadra abbia bisogno di un giocatore così che possa fare da guida. Al numero 1 metto Francescangeli della Cairate. Giocandoci contro e vedendolo da vicino ho subito notato una tecnica pazzesca, salta sempre l'uomo e va diretto in porta. Merita il primo posto in classifica". La chiusura sta nel rapporto con la scuola calcio che, a breve, vedrà iniziare i centri estivi 2018: "Il segreto sta nei valori che una società trasmette. Se un bambino viene predisposto per giocare e per divertirsi, ma nel modo più serio possibile, credo che la crescita sia scontata e questa società prima di tutto mette la serietà e l'impegno; lo fa con la prima squadra come con i bambini della scuola calcio e questo è fondamentale".



Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE