Cerca

focus

La Roma di Di Francesco e Monchi: squadra da Champions?

Quello che sta per iniziare sarà un campionato che rappresenterà una nuova era per la formazione giallorossa

20 Agosto 2018

Monchi

Monchi

Monchi

Quello che sta per iniziare sarà un campionato che rappresenterà una nuova era per la Roma di Monchi e Di Francesco. Il club giallorosso ha messo a punto un mercato fatto di tante giovani promesse, qualche calciatore importante e cessioni mirate, regalando all’ex tecnico del Sassuolo una rosa competitiva e completa. Come recitano le quote dei siti di scommesse online, infatti, i giallorossi sono tra le squadre favorite per l’accesso diretto alla prossima Champions League, e la quota per la vittoria dello scudetto sembra essere molto intrigante.  A centrocampo, con l’addio di Nainggolan, Monchi ha acquistato Cristante, Coric e Pastore. Spetterà soprattutto all’ex Atalanta e all’argentino compensare i numeri di Radja. E statistiche alla mano le scelte danno ragione a Monchi. I due, insieme con Marcano, potrebbero dare un significativo contributo anche sulle palle da fermo. La Roma l’anno scorso solo in campionato ha battuto 262 corner, ma sono stati pochissimi i gol decisivi su palla inattiva. Ecco perché sono già arrivati 4 giocatori sopra il metro e 85. ristante ha 7 anni in meno di Nainggolan e la scorsa stagione ha vinto mediamente il quadruplo dei contrasti aerei rispetto al belga (merito dei 10 centimetri di altezza in più), ha intercettato più palloni (1.8 vs 1.6) e ha contrastato in maniera più efficace gli avversari. E grazie al suo dinamismo e al suo senso dell’inserimento ha segnato il doppio dei gol (12 contro i 6 di Nainggolan). Anche il numero dei passaggi è superiore, ma la percentuale di precisione è inferiore, cosa inevitabile se in una stagione di media si giocano circa 150 palloni in più. Il Ninja, però, si è dimostrato più decisivo nelle giocate offensive e in zona assist, ma quel ruolo spetterà a Pastore, il fantasista puro che alla Roma di Di Francesco mancava. Sulla carta e statistiche alla mano, dovrebbero essere l’argentino e Cristante le mezzali titolari, con Pellegrini e Coric pronti a subentrare. L’ex Sassuolo viene da una stagione chiaroscura e deve ancora migliorare sotto il punto di vista della personalità. Lo dimostra la media dei passaggi effettuati nella scorsa stagione. Mentre Cristante ha giocato circa 42 palloni a partita, Pellegrini a stento è arrivato a 29. Intanto Monchi vuole regalare un altro centrocampista a Di Francesco. Con la pista N’Zonzi sempre più complicata, l’ultimo nome riportato da “La Repubblica”, è quello di Victor Wanyama, centrocampista del Tottenham. Il keniota classe ’91 gioca con la maglia degli Spurs dal 2016, quando è stato acquistato dal Southampton per 14 milioni di sterline. Nella scorsa stagione ha disputato 18 partite in Premier, 5 in FA Cup e una un Champions League. Altro nome circolato nelle ultime ore è quello di Kovacic, in uscita dal Real Madrid. Per il croato, però, c’è da superare l’ostacolo ingaggio che attualmente è molto elevato. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE

Dalle altre sezioni