Cerca

Il ricordo

Anniversario Sarina Nathan, Asilo Savoia depone corona in sua memoria

La vice presidente Emanuela D’Imperio: "Non mancheremo mai di sottolineare una determinante per il riconoscimento del ruolo delle donne"

19 Febbraio 2021

Asilo Savoia

La corona dell'Asilo Savoia in memoria si Sarina Nathan

Come ogni anno in occasione della ricorrenza della sua scomparsa una delegazione dell’Asilo Savoia, guidata dalla Vice Presidente Emanuela D’Imperio, si è recata oggi presso il sepolcro di Sarina Nathan per renderle omaggio e deporre una corona d’alloro, intendendo così riportare l’attenzione dell’opinione pubblica e delle Istituzioni sul ruolo che Sarina Nathan ebbe a Roma, all’indomani dell’Unità con il resto dell’Italia, nel rinnovamento delle attività rivolte alle fasce più deboli della popolazione e in particolare, appunto, delle donne attraverso la costituzione della Scuola Mazzini e dell’Unione benefica, poi confluite nell’Opera Pia fondata dal figlio ed ex Sindaco Ernesto Nathan nel 1917 in sua memoria, di cui ricorre nel 2021 il centenario della scomparsa.

“Non mancheremo mai di sottolineare e ricordate come la figura di Sarina Nathan – ha dichiarato la Vice Presidente dell’ASP Asilo Savoia Emanuela D’Imperio – abbia contribuito in maniera determinante, sia a livello romano che nazionale, a promuovere, da vera antesignana, il riconoscimento del ruolo delle donne a tutti i livelli nella società dell’epoca, avviando il dibattito sull’emancipazionismo, l’abolizione della prostituzione allora legalizzata, l’impegno concreto e quotidiano per la tutela dei diritti di genere e le pari opportunità”.

Come già previsto nell’ambito della programmazione triennale definita dal CdA, l’Asilo entro il 2021 procederà al completo recupero dei locali della ex “Scuola Mazzini”, prima scuola pubblica e non confessionale di avviamento professionale aperta a Roma nel 1872 proprio da Sarina Nathan, per adibirli a un centro di orientamento e formazione per donne già vittime di violenza o in situazione di svantaggio sociale che sarà appunto intitolata a suo nome.

L’iniziativa è collegata agli adempimenti previsti dalla D.G.R. n.1 del 14 gennaio 2020, con la quale l’Asilo Savoia è stato individuato dalla Regione Lazio quale soggetto destinatario delle risorse patrimoniali e finanziarie dell’Opera Pia “Sarina Nathan”, articolata in due sezioni aventi rispettivamente le seguenti finalità: “Unione Benefica”, finalizzata a “dar vitto e alloggio a condizioni vantaggiose alle giovani di qualsiasi nazionalità in cerca di collocamento perché siano sottratte alle insidie di altri luoghi di dimora provvisoria” e “trovar loro lavoro o collocamento nel mestiere cui sono addestrate”; “Scuola Mazzini” con il fine di “addestrare le alunne in determinate arti e professioni affinché, compiuto il percorso di studio, preferibilmente siano al caso di formare fra di loro cooperative di lavoro o altrimenti abbiano il mezzo di guadagnarsi onestamente la vita (…) A tutte dovranno essere impartiti i principi del vivere civile ed onesto adoperando qual libro di testo per una educazione di Giuseppe Mazzini”.

Quale soggetto destinatario dei beni della suddetta IPAB, l’Asilo Savoia ha infatti assunto il compito di “preservarne nel tempo, oltre alle finalità costitutive della stessa, attualizzate alle odierne esigenze dell’assistenza e della beneficenza pubblica, la memoria dei fondatori, mediante la gestione e l’organizzazione, in via continuativa e attraverso le rendite derivanti dal patrimonio immobiliare di pertinenza, di un servizio di accoglienza o sostegno abitativo o per il tramite della erogazione,  nei limiti delle disponibilità economiche, di contributi economici, anche sotto forma di premi, destinati al sostegno e all’avviamento professionale di donne in situazione di disagio sociale ed  economico intitolati al fondatore Ernesto Nathan”.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE

Dalle altre sezioni

Dalle altre sezioni