Cerca

Coronavirus

Valmontone, ordinanza anti assembramenti del sindaco Latini

Il primo cittadino, dopo alcuni eventi registrati nel fine settimana, ha emanato un provvedimento restrittivo

24 Febbraio 2021

Valmontone

Valmontone, una delle situazioni che ha portato all'ordinanza

Dopo il passaggio in zona rossa dei comuni di Colleferro e Carpineto Romano un altro comune della provincia di Roma, limitrofo ai due precedenti (con il primo è uno dei confinanti) viene investito da provvedimenti restrittivi per quello che riguarda le misure precauzionali in risposta alla pandemia. Si tratta di Valmontone, per il quale il sindaco Alberto Latini, ha emanato un'ordinanza che prevede il divieto di assembramenti in luoghi di aggregazione e piazze a partire dalle ore 18.00. La scelta del primo cittadino valmontonese è arrivata dopo alcune scene descritte nello scorso fine settimana quando nel centro storico, in piazza Pilozzi, davanti tre bar erano affollati giovani, diversi anche senza mascherina. "La presenza sul territorio di varianti del virus impone, a tutti noi, di alzare il livello dell’attenzione ed evitare comportamenti che possono facilitare il contagio - affermano dal comune tramite la pagina Facebook - è per questo motivo che, anche a seguito degli incresciosi fatti di sabato sera, il sindaco Alberto Latini ha deciso di firmare un’ordinanza che vieta, dopo le ore 18, la permanenza di persone nelle principali piazze e luoghi di aggregazione della città: giardini pubblici, piazza Umberto Pilozzi, via San Francesco e Città dello Sport". Il primo cittadino ha poi commentato "L’ordinanza verrà trasmessa alle forze dell’ordine affinché possano vigilare e sanzionare i trasgressori. Ed è proprio alle forze dell’ordine, in particolare all’Arma dei carabinieri per quanto accaduto sabato, che esprimiamo la nostra totale e incondizionata vicinanza. Allo stesso modo - aggiunge il sindaco - verranno sanzionate tutte quelle attività ed esercizi pubblici che verranno trovate a lavorare senza rispetto delle prescrizioni anti Covid (distanziamento, numeri contingentati, mascherine, etc). Trovo davvero incosciente, e irrispettoso della comunità in cui viviamo, che ad un anno esatto dall’inizio di questa pandemia non si riesca ancora a capire che il Covid si sconfigge soltanto se tutti noi facciamo la nostra parte". 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE