Cerca

coronavirus

Coprifuoco, date e riaperture: cosa cambia da domani

Accelerata, seppur minima, del Governo verso il ritorno alla normalità: prima mossa l'allungamento di un'ora del tempo limite per restare fuori casa

18 Maggio 2021

Riaperture

Centri commerciali: dal weekend torneranno aperti

Lentamente, grazie anche all'aumentare delle vaccinazioni e ai sacrifici che ognuno di noi sta continuando a fare, il Paese torna a riaprirsi e ad avvicinarsi alla normalità. Il governo Draghi è pronto ad adottare delle nuove misure per allentare le restrizioni in vigore per contenere la pandemia da Coronavirus e la prima sarà quella dell'allungamento dell'orario del coprifuoco. A partire da domani (mercoledì 19 maggio) sarà spostato alle ore 23, con quest'ultimo che subirà una progressiva diluizione nelle prossime settimane, passando (ipoteticamente) alle 24 dal prossimo 7 giugno fino ad essere completamente eliminato, se i dati epidemiologici continueranno in questa direzione, dal 21 giugno. Ossigeno in arrivo anche per i locali di ristorazione che dall'1 giugno, potranno tornare a servire al banco e al chiuso, sia a pranzo che a cena. Nel prossimo week end (22-23 maggio) per quello che riguarda i centri commerciali sarà possibile tornare a fare acquisti. 

Lo sport

L'attività sportiva, sia privata che di gruppo e a livello federale, è stata una delle più penalizzate dall'inizio della pandemia. In questo senso dall' 1 giugno potrebbero arrivare delle nuove disposizioni ad iniziare dalla presenza del pubblico per le manifestazioni all'aperto e dall' 1 luglio, per quelle al chiuso. I numeri sono quelli già fissati con i decreti precedenti, ossia quelli del limite massimo del 25% della capienza totale e comunque non superiore alle 500 persone per le attività al chiuso e di 1000 per quelle all'aperto. La novità è che non sarà più presente la discriminante dell' interesse nazionale. Anticipo per quel che riguarda la riaperture delle piscine, inizialmente previste per giugno. Dal 24 maggio arriverà il via libera per quelle all'aperto, mentre per quelle al chiuso e per i centri benessere semaforo verde da luglio

Rimarranno ancora chiuse le discoteche, le sale da ballo e simili, mentre dal 15 giugno sarà possibile riprendere le feste private, ma per il numero massimo di invitati all'aperto e al chiuso serve ancora che si esprima il CTS, con tutti i partecipanti che dovranno ottenere il cosiddetto green pass, ossia un certificato di vaccinazione, oppure di avvenuta guarigione o ancora di un tampone negativo nelle precedenti 48 ore. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE