Cerca

efficienza

Addolcitore d’acqua: quando acquistarlo e perché

Si tratta di uno strumento che si installa per eliminare in modo definitivo il calcare dall’acqua, scopri di più

17 Giugno 2021

Addolcitore d’acqua: quando acquistarlo e perché

Il calcare è una roccia sedimentaria composta principalmente da carbonato di calcio e rappresenta un componente molto facile da trovare, in una minima quantità, all’interno delle nostre case. Il carbonato di calcio, infatti, è un elemento che si trova nell’acqua corrente che, goccia dopo goccia, si stratifica nei tubi degli impianti sanitari, nei filtri dei lavandini e in tutti i sistemi degli elettrodomestici che funzionano attraverso l’utilizzo dell’acqua.

L’acqua che esce dal rubinetto è ricca di minerali come il magnesio e il calcio, per questo motivo è denominata acqua calcarea. Per comprendere la quantità di calcare presente nell’acqua si misura la durezza, maggiore è la quantità di calcare e maggiore è la durezza dell’acqua.

L’acqua calcarea rappresenta la principale causa dei problemi legati al malfunzionamento degli elettrodomestici, alla secchezza della pelle e al danneggiamento dei capelli. Per far fronte a questi problemi, si consiglia di installare un addolcitore acqua, in particolare nelle abitazioni situate in zone in cui l’acqua della rete idrica è molto dura.

Prima d'installare un addolcitore all’interno della propria abitazione, è consigliato effettuare un’analisi dell’acqua e degli acquedotti per conoscere il livello di durezza. Le informazioni, generalmente, si possono trovare facilmente anche sul sito della regione che dovrebbe pubblicare periodicamente un resoconto aggiornato sull’analisi delle acque territoriali.

Come funziona un addolcitore acqua

Un addolcitore d’acqua è uno strumento che si installa per eliminare in modo definitivo il calcare dall’acqua, ottenendo così un’acqua addolcita capace di portare numerosi benefici in termini di funzionamento degli elettrodomestici e di salute, perché migliora notevolmente l’aspetto della pelle e dei capelli.

 Si tratta di un sistema che trattiene il calcare e rende l’acqua più leggera attraverso l’impiego di resine cationiche. L’acqua del rubinetto passa attraverso l’addolcitore e viene filtrata: i sali ci calcio e magnesio vengono convertiti in sali di sodio.Sul mercato esistono due tipologie di addolcitori, per uso domestico e per uso professionale.

Una volta individuati i parametri dell’acqua, è possibile scegliere il tipo di addolcitore acqua più adatto alle proprie esigenze: in base alla quantità di calcare presente nell’acqua, bisogna scegliere l’addolcitore che contiene la giusta quantità di resina adatta alle proprie necessità.

 

I benefici del decalcificatore acqua in termini di risparmio energetico
 

Gran parte dell’acqua viene utilizzata in ambito domestico per usi alimentari, potabili e igienico-sanitari. Il calcare presente nell’acqua può provocare danni economici in termini di risparmio energetico: la temperatura elevata dell’acqua favorisce il deposito di calcare nei serpentini delle lavatrici, lavastoviglie, caldaie, nei rubinetti e nelle condutture.

Man mano che lo strato di calcare si accumula all’interno di questi impianti, riduce la loro efficienza, compromette la loro funzionalità e riduce notevolmente il risparmio energetico. Molti test, infatti, hanno confermato che la maggior parte delle perdite energetiche sono causate dalle incrostazioni.

Le incrostazioni di calcare hanno un elevato potere isolante e possono ridurre notevolmente l’efficienza di scambio, causando un notevole aumento del consumo energetico. Installare un addolcitore d’acqua permette di migliorare il risparmio energetico grazie alla rimozione di calcare dall’acqua, ottenendo così un impianto idraulico perfettamente funzionante.

L’efficacia degli addolcitori d’acqua sul risparmio energetico ha fatto sì che lo Stato abbia introdotto la loro installazione tra gli elementi che permettono di usufruire dell’ecobonus e delle detrazioni fiscali del 50% sull’acquisto dell’impianto decalcificatore acqua. Rientrano nelle agevolazioni anche eventuali prestazioni professionali richieste dall’azienda edilizia che installa addolcitori d’acqua all’interno di una o più abitazioni.

Infine, è bene ricordare che le caldaie sono gli elettrodomestici più soggetti ai danni causati dal calcare nell’acqua. Per questo motivo, è bene eseguire periodicamente dei test sulla caldaia e il controllo dei fumi per verificare la condizione dell’elettrodomestico.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE