Cerca

roma capitale

La scuola Vittorio Alfieri contro la guerra: raccolta di beni per l'Ucraina

I genitori degli alunni dell'istituto in zona Boccea hanno chiesto ed ottenuto la possibilità di esporre la bandiera della Pace e di dar vita ad un'iniziativa benefica

01 Marzo 2022

Pace

Alcuni bambini mentre espongono la bandiera

I genitori dei bambini della scuola materna Vittorio Alfieri di Roma si mobilitano per la pace e la libertà. Sul cancello dell’ingresso della scuola, che si trova in Largo San Pio V (nel tredicesimo municipio di Roma), questa mattina è stata esposta la bandiera con i colori dell'arcobaleno. L’iniziativa è partita venerdì scorso quando in Italia iniziavano ad arrivare le drammatiche immagini di tanti bambini in pericolo e in fuga dalla guerra. La proposta dei genitori è stata subito accolta dalla scuola e dal Municipio XIII di Roma, che ora ha autorizzato anche le altre scuole del territorio. "Pensiamo che la scuola sia un presidio fondamentale per diffondere la cultura della pace", spiegano i genitori, "Siamo felici che la scuola abbia accolto la nostra richiesta di esporre sull’edificio scolastico la bandiera della Pace. La nostra richiesta è partita dall’esigenza unanime delle famiglie delle bambine e dei bambini della scuola dell’infanzia Vittorio Alfieri di lanciare il messaggio che questa bandiera porta con sé. Pensiamo che la scuola sia  un presidio fondamentale per diffondere la cultura della pace. Il modello educativo che vogliamo deve incardinare un concetto preciso già espresso nella nostra Costituzione: l'Italia ripudia la guerra. Soprattutto in questo momento è importante che la comunità educante tutta risponda alla terribile situazione che si sta verificando in Ucraina. Esprimiamo solidarietà al popolo ucraino, al popolo russo che si ribella e a tutti i popoli oppressi vittime di guerra". La mobilitazione dei genitori non si ferma qui. Contestualmente all’esposizione della bandiera della Pace è partita anche una raccolta di medicinali e beni di prima necessità rivolti soprattutto all’infanzia che saranno consegnati nei prossimi giorni alla chiesa di Santa Sofia di via Boccea, punto di riferimento della comunità ucraina a Roma.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE