Cerca

diritto e sport

Cartellino e ammortamento: ecco come si calcola una plusvalenza

Puntata numero nove della rubrica dedicata al diritto sportivo. Vediamo come si generano plusvalenze e minusvalenze

01 Febbraio 2018

Il brasiliano Emerson Palmieri dalla Roma al Chelsea: per i giallorossi una potenziale plusvalenza di 27 milioni (foto dailystar.uk)

Il brasiliano Emerson Palmieri dalla Roma al Chelsea: per i giallorossi una potenziale plusvalenza di 27 milioni (foto dailystar.uk)

Sono stati giorni caldissimi per tutte le squadre professionistiche, giorni di calciomercato invernale. E, probabilmente, le frasi più pronunciate dagli addetti ai lavori sono state : “la squadra X con la vendita del calciatore ha generato una plusvalenza”  e/o “la squadra Y ha generato una minusvalenza. Lo scopo del presente intervento del nostro Clemente Severati è proprio quello di analizzare in maniera esaustiva i concetti di plusvalenza e minusvalenza, con specifico riguardo alla compravendita dei calciatori nel territorio italiano.

Il brasiliano Emerson Palmieri dalla Roma al Chelsea: per i giallorossi una potenziale plusvalenza di 27 milioni (foto dailystar.uk)
In via preliminare è necessario inquadrare ciò che un cartellino rappresenta per la società che lo acquista: esso rappresenta il diritto a godere delle prestazioni sportive di un calciatore per la durata del contratto sottoscritto con lo stesso. Il valore di acquisto del cartellino del calciatore sarà iscritto in bilancio nell’attivo dello stato patrimoniale alla voce “immobilizzazioni immateriali”. Ipotizziamo, dunque, che la società “a” acquisti il cartellino del giocatore “X” per 20 milioni di euro, e sottoscriva un contratto della durata di cinque stagioni con l’atleta. Appare evidente che il calciatore sarà utile alla società che lo ha acquistato per cinque stagioni e il suo costo (20 milioni di euro) dovrà essere distribuito uniformemente nei costi del conto economico relativo ad ognuna delle stagioni; imputare l’intero costo nel primo anno, infatti, sarebbe in contrasto con la correlazione all’utilità pluriennale dell’immobilizzazione immateriale. Tale processo, definito “ammortamento”, consente pertanto di distribuire il costo complessivo correlandolo all’arco temporale lungo il quale il cartellino fornirà la propria utilità. Parallelamente, e senza addentrarci in eccessivi tecnicismi, il valore del cartellino diminuirà di un quinto al termine ogni stagione, poiché la sua utilità si ridurrà progressivamente man mano che si avvicinerà la scadenza del contratto e il momento in cui la società perderà i propri diritti allo sfruttamento economico e sportivo del calciatore. Ricapitolando: alla fine della prima stagione il valore residuo del cartellino del calciatore “X” sarà di sedici milioni, al termine della seconda stagione di dodici milioni, e così via. Proprio tale valore residuo rappresenterà il termine di confronto con il prezzo di cessione per determinare l’entità della plusvalenza o della minusvalenza.

Ipotizziamo, dunque, che al termine della terza stagione la società “X” ceda il calciatore per undici milioni; come detto, il valore residuo al termine della terza stagione sarà di otto milioni (i venti milioni iniziali rettificati dagli ammortamenti di quattro milioni l’anno per tre anni). Conseguentemente la società realizzerà una plusvalenza di tre milioni pur avendo ceduto per undici milioni un cartellino pagato, originariamente, 20 milioni. Nello stesso esempio la società avrebbe subito una minusvalenza ove avesse ceduto il giocatore a un prezzo inferiore agli 8 milioni di euro. Pertanto, se la differenza che intercorre tra il valore di acquisto ed il valore di vendita di un determinato calciatore al netto delle quote di ammortamento sarà positiva, avremo una plusvalenza, mentre avremo una minusvalenza se tale differenza sarà negativa.


Nel prossimo intervento esamineremo il concetto di plusvalenze fittizie, che negli anni passati e - non solo - sono servite a molti club per “aggiustare” i propri bilanci…

(Si ringrazia l'avvocato Clemente Severati per la gentile collaborazione)

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE