Cerca

LA RUBRICA

Senti chi... fischia: scopriamo gli arbitri di Eccellenza - 30ª giornata

Designazioni, statistiche e commenti sugli arbitri del massimo campionato regionale

13 Aprile 2018

Senti chi... fischia: scopriamo gli arbitri di Eccellenza - 30ª giornata

Torna l’appuntamento settimanale del venerdì, nel quale seguiamo e vi indichiamo le designazioni del massimo campionato regionale. La novità della seconda parte di stagione consiste nell’analisi e nel commento di ogni singola partita, con un salto all’indietro al match di andata per tutto il girone di ritorno, da qui al 6 maggio, giornata di chiusura e anticamera di playoff e playout.


Image title



Le partite della 30ª giornata del girone A


Astrea-Città di Ciampino: arbitra CRESCENZIO di Aprilia

I ministeriali sono dentro i playoff con quattro punti di margine sul Crecas e hanno vinto le ultime 8 partite al “Casal del Marmo”, imbattuti dal 19 novembre 2017, Astrea-Boreale 0-1. Il City è ormai salvo e ha poco da chiedere al finale di stagione, forte dei 48 conquistati finora.

LA GARA DI ANDATA La sfida del 26 novembre fu contrassegnata da una pioggia di reti: 5-2 e vittoria per il Ciampino; arbitro Simone Mariani di Tivoli che terminò con quattro ammoniti (1 nel Ciampino, 3 nell’Astrea). Obiettivamente dovrebbe essere tutto sommato corretta anche il secondo capitolo tra romani e aeroportuali. L’arbitro, Andrea Crescenzio, tra i più adatti per dirigere due squadre del blasone di Astrea e Città di Ciampino.

Atletico Vescovio-Boreale Don Orione: arbitra GIUDICE di Frosinone

Si scende nei bassifondi della classifica dalle parti del “Futbol Campus”: per uscire dal pantano potrebbero essere insufficienti addirittura anche i tre punti. Pochi giri di parole, il pareggio è il verdetto più inutile tra Atletico Vescovio e Boreale Don Orione. Che una delle due vinca per tenere acceso un barlume di speranza verso la salvezza diretta, a oggi ancora concessa dalla matematica dei punti in palio.

LA GARA DI ANDATA Al “Salaria Sport Village” finiva in perfetta parità, 1-1. Il Cra Lazio scelse Simone Gavini di Aprilia e il taccuino al 90’ e spiccioli diceva quattro ammoniti, 1-3 per l’Atletico Vescovio e un espulso nelle fila della Boreale. Anche per il ritorno i designatori regionali hanno scelto un arbitro di esperienza nella categoria, Matteo Giudice della Sezione Aia di Frosinone. Come ripetiamo da buon tempo a questa parte, personalità, carattere, prossimità alle azioni per evitare di scrivere troppi nomi sul referto.

Civitavecchia-Pro Calcio Tor Sapienza: arbitra LUPINSKI di Albano Laziale

A 5 giornate dalla conclusione della stagione regolare, il Civitavecchia ha l’occasione di chiudere quasi il discorso salvezza contro la Pro Calcio Tor Sapienza. Partita molto spigolosa: le due squadre sono a secco di vittorie, il Civitavecchia da quasi due mesi (25 febbraio Civitavecchia-Atletico Vescovio 2-1), la Pro Calcio dall’11 marzo (Atletico Vescovio-Pro Calcio Tor Sapienza 0-2)

LA GARA DI ANDATA Netto successo dei nerazzurri: 0-3 e il Signor Lorenzo Ravaioli di Tivoli estrasse 5 gialli e 1 rosso, il cartellino rosso per i gialloverdi. Domenica al “Giovanni Maria Fattori” scenderà un arbitro carismatico, di ottima presenza fisica e credibile: parliamo di Adrian Lupinski di Albano Laziale, impegnato in stagione anche in gare di ritorno di Coppa Italia e in altri match caldi. Ci si gioca una bella fetta di campionato: tenere in pugno la partita sin dal primo quarto sarà cruciale per non avere problemi, che a ogni modo in scontri diretti ci sono, in corso d’opera.

Crecas-Monti Cimini: arbitra ARONNE di Roma 1

La seconda miglior difesa (Crecas) contro il terzo peggior attacco (Monti Cimini). Il Crecas è reduce da due risultati utili consecutivi, incappato però in una sconfitta interna tre giornate fa opposta a un’altra pericolante: 1-2 vittorioso per il Monte Grotte Celoni. La Monti Cimini ha perso troppo spesso di misura in stagione e auspica un’inversione di rotta per il concitato finale.

LA GARA DI ANDATA Massimo risultato col minimo sforzo per il Crecas, grazie all’ottimo primo tempo combattuto dei gialloneri che cedono soltanto al 32’st al gol di Passiatore. Il fischietto selezionato era stato calabro, esattamente Massaria di Vibo Valentina: prestazione esemplare, da media provvedimenti di un arbitro nazionale con 4 ammoniti. Domenica sul sintetico del “Giovanni Torlonia” emetterà il fischio d’inizio il romano Daniele Aronne, grinta da vendere nell’arco dei 90’.

Eretum-Unipomezia: arbitra FIGLIOMENI di Roma 2

Potremmo definirlo uno spareggio in ottica quarto posto visto che domenica al “Fausto Cecconi” sarà duello tra la sesta e la quarta forza del raggruppamento. Eretum imbattuto dal 4 febbraio (Astrea-Eretum 2-0), Unipomezia impegnata su due fronti, il campionato e la fase nazionale della Coppa Italia, ma la vittoria potrebbe far comodo per mantenere stabili le distanze dal trio di testa.

LA GARA DI ANDATA Tanti gol, spettacolo e pochi, pochissimi cartellini. 5-2 al “Comunale” di Via Varrone, doppietta di Tozzi e reti di Bornivelli, Casciotti, Moronti e Spaziani. “Sentimmo fischiare” Giuseppe Scarpati di Formia, un bel 6.5 in pagella sulla Gazzetta Regionale accompagnato dal lusinghiero taccuino di fine gara: un ammonito e un espulso allo scadere. Tra meno di 48 ore sarà il turno di Antonio Figliomeni di Roma 2, tra i probabili nomi dei selezionabili per il raduno playoff e playoff. Sentiremo parlare di lui, speriamo in bene già da lunedì sulle nostre pagine in edicola e online.

Lepanto-Cynthia: arbitra IGLIOZZI di Roma 2

Ha ingranato la quarta la Lepanto, inanellando quattro risultati utili consecutivi (3 vittorie e 1 pareggio), domenica scorsa splendido acuto (1-2) in casa dell’Unipomezia. Dall’altro lato del rettangolo verde il Cynthia ha 40 punti, è quindi salvo, non vince dall’11 febbraio (1-0 al Real Monterotondo Scalo) e procede a singhiozzi, pareggi alternati a sconfitte.

LA GARA DI ANDATA La Lepanto riuscì a strappare un punto a Genzano e il Cynthia nella ripresa ebbe diverse occasioni per sbloccare la sfida, ma alla fine fu 0-0. Daniele Ciarniello di Roma 2, stessa sezione del collega Igliozzi impegnato questa domenica al “Domenico Fiore” di via Ferentum, l’arbitro dell’andata: Ciarniello concluse con un solo ammonito, Davato della Lepanto. Chi deve salvarsi di solito in casa aumenta la foga degli interventi e lotta anche su una banalissima rimessa laterale. Per Igliozzi tutta la concentrazione del mondo e la consapevolezza nelle proprie capacità per non dare alibi ai ventidue in campo.

Monte Grotte Celoni-Ladispoli: arbitra PELETTI di Crema

Il Monte Grotte Celoni ha messo il turbo: 4 vittorie consecutive per un totale di 12 punti che hanno dato grande fiducia all’ambiente, tirando la squadra fuori dalla zona rossa con 33 punti. Il Ladispoli prosegue il duello a distanza con la Vis Artena; a una settimana dal faccia a faccia la linea sottile che le separa è di tre punti.

LA GARA DI ANDATA L’avvio del Ladispoli non lasciò campo e scampo al Monte Grotte Celoni, avvio capitalizzato in chiusura di primo tempo dal gol di La Rosa. Sul finale di partita 2-0 dal dischetto di Cardella. Rigore decretato da Giuseppe Morello di Tivoli che raggiunse quattro ammoniti. Una buona direzione di gara. Domenica al “Panichelli” farà tappa il cremasco Peletti, non nuovo a trasferte nel Lazio, l’abbiamo conosciuto nel girone A in un paio di circostanze. Ribadiamo come sia più bassa la media CAI rispetto agli ammoniti degli arbitri regionali, ma se i toni del match saranno alti l’arbitro si dovrà adeguare di conseguenza smorzandoli con adeguati provvedimenti disciplinari.

Tolfa-Real Monterotondo Scalo: arbitra COLELLI di Ostia Lido

La partita più bollente del programma di girone: al “Felice Scoponi” di Tolfa incrocio pericolosissimo tra la terzultima e l’ultima. In casi come questi fare conti a ritroso è superfluo. Tutto si concentra nel testa a testa e la parola d’ordine la sapete: vincere per sperare, non perdere per non disperare.

LA GARA DI ANDATA Ecco appunto, all’andata poche emozione e reti inviolate: 0-0. Gara diretta da Adrian Lupinski di Albano Laziale per un conto finale di quattro ammoniti. Pareggio giusto che però servì a poco a tutti. L’ostiense Alessandro Colelli il nome che farà rispettare le regole tra biancorossi e rossoblù. Un antipasto di playout, una finale, uno spareggio, match da dentro-fuori. Usiamo qualsiasi espressioni per dipingere la gara, ma di un fatto andiamo certi: Colelli dovrà dare il 120% in ogni aspetto per non concedere repliche a calciatori, allenatori e dirigenti.

Vis Artena-Valle del Tevere: arbitra MARTINELLI di Ostia Lido

Chiude la finestra sul girone A la sfida più importante: 97 la somma dei punti di Vis Artena e Valle Del Tevere, entrambe sconfitte nel turno precedente. Inatteso lo stop della Vis (3-1 in casa del Real Monterotondo Scalo), sonoro quello della Valle (0-4 col Ladispoli). Campionato aperto in vetta, a una settimana dal big match la Vis Artena vuole tenere lo scettro della capolista.

LA GARA DI ANDATA 1-2 per i rossoverdi di Punzi: vantaggio siglato da Gatta al 25’pt, raddoppio di Morici al 16’st e, ininfluente ai fini del punteggio finale, la rete della bandiera della Valle con Nardi al tramonto del match. Il designatore nazionale della CAI inviò nel Lazio Peletti di Crema – citato sopra perché impegnato questa domenica in Monte Grotte Celoni-Ladispoli – che chiuse con due espulsioni dirette nella Vis: Gatta al 22’st e Salvagni al 48’st. Stavolta tocca ad Alessandro Martinelli, lidense tra i nomi forti della Commissione Regionale Lazio. Se lo mandano ad arbitrare la capolista alla volata finale del campionato evidentemente se lo merita: in bocca al lupo!


Le partite della 30ª giornata del girone B


Almas Roma-Montespaccato: arbitra GIORDANI di Aprilia

La sorprendente Almas Roma, settima a 5 punti dal quarto posto della Play Eur, ospita tra le mura amiche il Montespaccato, risucchiato in zona retrocessione in coabitazione con la Cavese. Montespaccato in caduta libera, non sa più vincere: ultimo squillo il 28 gennaio contro la Virtus Nettuno Lido (3-1). L'Almas, dal canto suo, in casa non sbaglia un colpo ed è pronta a riscattare il 5-2 rimediato al "Marco Mazzucchi" di Ardea dal Team Nuova Florida.

LA GARA DI ANDATA Poker biancoverde nel segno di Flavio Maria Colasanti, autore di una tripletta (28'pt, 32'st e 42'st). Emanuele Velocci il direttore di gara dell'andata che assegnò un rigore al Montespaccato, esecuzione dagli undici metri di Gentili neutralizzata dalla parata di Mennini al 30'pt e rifilò il cartellino rosso a Grotta del Montespaccato al 28'st. Tra due giorni toccherà all'apriliano Andrea Giordani indossare la divisa giallo-fluo dell'Associazione Italiana Arbitri al "Fuso". Nervi a fior di pelle da parte ospite, ma si auspicano sportività e toni nella media. 

Audace-Colleferro: arbitra LUPOLI di Latina

Roboante 4-0 nell'ultima uscita per l'Audace Savoia di Daniele Greco che domenica al "Le Rose" riceverà il Colleferro di Antonio Pecoraro, rivitalizzato dia tre punti di platino ottenuti nello scontro-salvezza di cinque giorni fa col Formia (3-2). 

LA GARA DI ANDATA Colpaccio dei rossoneri di Pecoraro grazie al sigillo di Gabrieli all'inizio del secondo tempo. L'Audace aveva tentato l'assalto finale, assediando la tre quarti difensiva colleferrina, ma non riuscendo nell'aggancio. Leonardo Di Mario di Ciampino l'arbitro designato il 26 novembre 2017 all' "Andrea Caslini", coadiuvato da Cocco di Frosinone e Grasso di Roma 1: tre ammoniti, gran bella prova. Domenica Michele Lupoli, arbitro non sempre equilibrato nelle sue prestazioni dove spiccano spesso diversi cartellini rossi, avrà una gara non semplice da gestire. Sarà all'altezza? Lo scopriremo lunedì dal tabellino e dalla cronaca del nostro inviato. 

Casal Barriera-Play Eur: arbitra FELICI di Aprilia

Il Casal Barriera di Pandolfi vincendo domenica sarebbe a un passettino dalla salvezza con 39 punti. La Play Eur di Scarfini, altra piacevole rivelazione del girone B tallona a un punto di distanza il quarto posto or ora occupato dal Latina Scalo Sermoneta e la scorsa giornata ha perso soltanto di misura (1-2) contro la fortissima Pomezia.

LA GARA DI ANDATA Barile-gol al 34'pt e vittoria in cassaforte per la Play Eur. Sfida gestita alla grande da Alessandro Vallocchia di Rieti, si è giocato a calcio, ci si è divertiti tant'è che il foglietto del taccuino è rimasto in bianco. Sei calci d'angolo a tre per la Play e 3' di recupero nel secondo tempo gli unici dati riportato sul tabellino della Gazzetta Regionale. Emanuele Felici di Aprilia l'associato AIA impiegato al "Nicolino Usai" di Via Casale Rocchi: altro ragazzone esperto di Eccellenza. Gara da non sottovalutare.

Cavese-Città di Anagni: arbitra DAMIANI di Sondrio

Chi deve salvarsi. Chi D-eve vincere. Si evincono a chiare lettere le ambizioni e le motivazioni opposte di Cavese e Anagni. La squadra di casa non vince dall'11 marzo (1-0 all'Arce), i papalini di Fabio Gerli invece sono imbattuti da quasi tre mesi: 28 gennaio Audace-Città di Anagni 2-1.

LA GARA DI ANDATA Due incertezze difensive fatali per la Cavese e la corazzata Anagni non poteva che approfittarne: Francesca Capone di Cassino sventolava il cartellino rosso a Corsi al 25'pt quando il punteggio era già di 1-1 dopo l'iniziale vantaggio ospite siglato da Krasniqi al quarto d'ora, al quale aveva risposto Stazi un giro di lancette più tardi. Sempre il centrocampista biancorosso siglava il 2-1 a fine primo tempo. La Capone esibiva anche ben sei cartellini gialli, sintomo di una partita nervosa o gestita a fatica. Ed ecco che, coincidenza, domenica spunta fuori la soluzione dell'arbitro extraregionale, Emanuele Damiani di Sondrio, alla sua prima gita nel Lazio. Basteranno le capacità e la lettura di gara di un arbitro nazionale per far scendere il numero di provvedimenti disciplinare? Parola al campo, giudice supremo. 

Formia-Morolo: arbitra SCOTTO D’ANTUONO di Roma 1

Se in Cavese-Città di Anagni si è scritto "Chi deve salvarsi..." qui è d'obbligo il SI SALVI CHI PUO'! Il Formia non assapora il gusto dolce dei tre punti da un'eternità: era l'anno scorso, 23 dicembre 2017, ultima del girone di andata, Play Eur-Formia 1-3. E poi cosa è successo? Cinque sconfitte consecutive - Arce (3-0), Insieme Ausonia (0-2), Anagni (2-0), Serpentara (0-2), Pomezia (3-1) - seguite da 5 pareggi e due sconfitte. Il Morolo allenato da Stefano Campolo conquistando sei punti in casa grazie alle due vittorie su Latina Scalo Sermoneta (1-0) e Roccasecca (3-0) stazione a 6 punti (34) dalla fatidica quota salvifica.

LA GARA DI ANDATA Allo stadio "Arnaldo Marocco" in terra ciociara Caponi da sogno: due reti del centrocampista lepino nel giro di cinque minuti, dal 19' al 24' del primo tempo, regalarono i tre punti alla compagine biancorossa. Brividi finali per il rigore realizzato da Sellitti al 28'st che dimezzava lo scarto, ma alla fine, sotto la decisa direzione di Gabriele Giusti di Ostia Lido (6 ammoniti e 1 espulso, Pazienza del Morolo al 45'st), la vittoria non ha cambiato strada. Due giorni e sarà return match al "Comunale" di Via Peschiera a Manarola, arbitro designato da Luca Palanca e Riccardo Tozzi, Scotto D'Antuono. Siccome farà al 100% il raduno playoff-playout inizia a testare il clima di una gara da dentro-fuori. Go Scotto!

Latina Scalo Sermoneta-Virtus Nettuno Lido: arbitra VELOCCI di Frosinone

Il Latina Scalo è quarto e difficilmente scenderà sotto il quinto posto, come difficilmente potrà impensierire il Pomezia, distante 7 punti. La Virtus Nettuno Lido, salva da qualche giornata, non ha moltissimo da chiedere alle ultime giornate, ma può migliorare la posizione in classifica: Audace e Almas sono a +1 (44).

LA GARA DI ANDATA "Tutto nel finale. Il Sermoneta si tiene il 1° posto" così titolammo la cronaca a pagina 3 della GazReg di lunedì 27 novembre. Laghigna portava sull'1-0 la Virtus al 43'st su rigore e al quarto dei sei minuti di recupero assegnati da Costa di Novara, Peressini ristabiliva la parità. Il fischietto gaudenziano finì con sei ammoniti. Domenica sarà chiamato fischietto alle labbra, il ciociaro Emanuele Velocci: non dovrebbe sfigurare e se dovessero esserci cartellini saranno molto risicati. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE