Cerca

la cerimonia

Ostia, si celebra il primo anno della Palestra della Legalità

Grande successo nella cerimonia di questa mattina. Monnanni: "Ringrazio le istituzioni e i ragazzi del programma Talento&Tenacia"

26 Febbraio 2020

Uno scatto della cerimonia @Conti

Uno scatto della cerimonia @Conti

Uno scatto della cerimonia @Conti

"Noi guardiamo sempre avanti: non siamo mai soddisfatti". Parola di Massimiliano Monnanni. Il presidente dell'Asilo Savoia questa questa mattina ha festeggiato il primo anno di attività della Palestra della Legalità. Un momento importante per trarre un primo bilancio su un'iniziativa che si sta dimostrando vincente, sotto ogni punto di vista: "Siamo qui oggi per raccontare quella che è una presenza diversa dello Stato qui ad Ostia. Ma non voglio dilungarmi a parlare di noi dell'IPAB, che abbiamo il dovere di agire per il bene comune: vorrei invece ringraziare le istituzioni, qui rappresentate e non solo, e i ragazzi e le ragazze del programma Talento&Tenacia. Fin dall'inizio avevamo preso un impegno importante e difficile, partire da duecento abbonamenti gratuiti con l'intento di farli crescere progressivamente e parallelamente all'aumento degli ingressi paganti. Oggi, con orgoglio, posso dire che sono 376 gli abbonamenti gratuiti, il 25% del totale". In una giornata importantissima, in cui si è firmato il protocollo di intesa che vedrà nascere una collaborazione tra l'Asilo Savoia e il Centro Sportivo di Carabinieri, sono stati tantissimi gli interventi istituzionali. A partire dal presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti: "Erano tanti e deboli quelli che non volevano si costruisse questa palestra, ma eravamo tanti e forti noi, che la volevamo tirare su. In Italia troppo spesso parliamo dei disastri che combiniamo, sorvolando invece con troppa facilità sui successi che otteniamo. Questa palestra è una bella storia italiana, di collaborazione, di impegno istituzionale, dell'Ipab, e di un gruppo di ragazzi e ragazze che insieme hanno reso possibile un miracolo". Parole di elogio anche da parte di Bruno Frattasi, presidente dell'Agenzia Nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni squestrati e confiscati alla criminalità organizzata: "Sono convinto che come si allenano i muscoli, così ci si allena alla legalità. Mi piace molto il nome 'Palestra della legalità": ci fa capire come questa non sia un concetto acquisito e retorico, bensì un qualcosa che va allenato giorno per giorno". Presente anche Gianpiero Cioffredi, presidente dell'Osservatorio per la legalità: "Lo sport in questo territorio è stato usato come strumento per aumentare il consenso nei confronti dei clan mafiosi qui presenti. Non succede solo qui, si badi: anche a Montespaccato la scuola calcio locale era usata dal clan Gambacurta per ottenere consenso sociale. Di fronte a casi come questi e a molti altri, mi viene da dire che la Lega Nazionale dilettanti dovrebbe accogliere il grido del Procuratore Nazionale Cafiero De Raho". Non perdere l'ampio approfondimento sulla cerimonia nell'edizione cartacea di lunedì 2 marzo di Gazzetta Regionale.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE