Cerca

in edicola

Sport di contatto, perché no? Una matassa inestricabile

Si gioca senza regole nei parchi, ma calcetto&co. non sono ancora permessi. Sull'edizione cartacea di lunedì 29, ripercorriamo con una pagina dedicata ogni passo sulla questione

27 Giugno 2020

Un campo da calcetto vuoto ©Facebook/LaMirage

Un campo da calcetto vuoto ©Facebook/LaMirage

Un campo da calcetto vuoto ©Facebook/LaMirage

Gazzetta Regionale torna in edicola lunedì 29 giugno con un altro numero ricco di interviste e approfondimenti da non perdere. Tra i contenuti esclusivi proposti, ampia analisi sull'annosa questione degli sport amatoriali di contatto, una matassa che non si riesce proprio a sbrogliare. Dopo il primo dietrofront del Governo, che nella data del confusionario 11 giugno, tra annunci e immediate ritirate, aveva alla fine rinviato al 25 giugno l'ok alla pratica di tali attività sportive (sebbene il Ministro dello Sport si fosse detto a fine maggio volenteroso di dare il via libera il 15 dello stesso mese), mercoledì sembrava si fosse compiuto un passo in avanti con le dichiarazioni di apertura dello stesso Spadafora in favore di calcetto, basket&co, seppur con il benestare del Ministro della Salute Speranza come condizione necessaria. Invece niente da fare neanche per il 25 giugno, con il Comitato tecnico-scientifico (Cts) che ha ribadito il no agli sport di contatto amatoriali, ad oggi ancora non permessi. Ma perché ci si può dare in 5 alla fine di un match di tennis oppure ci si può divertire senza regole nei parchi, invece non si può fare una partita a calcetto, basket o pallavolo? Sull'edizione cartacea di lunedì, ripercorriamo con una pagina dedicata ogni passo sulla questione, tra decisioni prese e posticipate, con le dichiarazioni dei protagonisti coinvolti.

La versione integrale dell'ampio approfondimento sarà disponibile nell'edizione cartacea di lunedì 29 giugno #TorniamoInEdicola

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE