Cerca

l'intervista

Lardone replica a Zarelli "Legga meglio le dichiarazioni"

Non è tardata ad arrivare la risposta di Luigi Lardone alla nota diffusa dal CR Lazio domenica sera

14 Dicembre 2020

Luigi Lardone

Il presidente dell'Ostiamare Luigi Lardone

Non è tardata ad arrivare la risposta di Luigi Lardone alla nota diffusa dal CR Lazio domenica sera, in cui Melchiorre Zarelli e l'attuale Consiglio Direttivo rimandavano al mittente "considerazioni del tutto fuori luogo e offensive su “timori di ritorsioni” che verrebbero messe in atto nel Comitato Regionale Lazio" Il patron dell'Ostiamare ha utilizzato questa mattina la pagina Facebook ufficiale dedicata alla propria candidatura per commentare il breve comunicato rilasciato dal CR Lazio. Questo un estratto del suo post: "Desidero però farvi prestare l’attenzione sulla nota prodotta dal Presidente Zarelli o dal suo anonimo (?) ufficio stampa ieri sera in merito a mie presunte dichiarazioni rilasciate alla Gazzetta Regionale in un'intervista del 10 Dicembre. Nella mia dichiarazione indicavo che c’era un gruppo incline al cambiamento, un gruppo che vuole il cambiamento ma ha paura di eventuali ritorsioni in caso di insuccesso, ed un gruppo che non lo vuole perché ricava vantaggi dalla situazione attuale. A fronte di questa mia dichiarazione il Presidente Zarelli non ha ritenuto di dover smentire che ci possa essere qualcuno che ha evidenti vantaggi personali nel mantenere la situazione attuale dando evidentemente per assodata e pacifica la cosa, ma ha ritenuto di concentrare tutta la risposta su qualcosa che non ho detto, attribuendo cioè a me la preoccupazione di eventuali ritorsioni sui miei elettori. Caro Presidente Zarelli, nell’invitarla a leggere direttamente le mie dichiarazioni e non farsele riportare con l’effetto di non coglierne il tiro, leggo nella sua nota una difesa non richiesta. I latini avrebbero detto "Excusatio non petita accusatio manifesta". Affannarsi a giustificare il proprio operato senza che sia richiesto può infatti essere considerato un unico indizio del fatto che si abbia qualcosa da nascondere. A buon intenditor poche parole.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE