Cerca

elezioni cr lazio

Elezioni CR Lazio: per la CAF reclamo di Lardone inammissibile

Si spegne davanti alla Corte Federale d'Appello della FIGC l'ultima speranza del presidente dell'Ostiamare di partecipare come candidato alla Presidenza

08 Gennaio 2021

Elezioni CR Lazio: per la CAF reclamo di Lardone inammissibile

Luigi Lardone, presidente dell'Ostiamare

Si spegne davanti alla Corte Federale d'Appello della FIGC l'ultima speranza di Luigi Lardone di partecipare come candidato alla Presidenza del CR Lazio all'Assemblea Elettiva di domani mattina. L'organo di giustizia sportiva, che ieri in tarda serata aveva fissato l'udienza per la discussione del reclamo presentato dal patron dell'Ostiamare e dei candidati Consiglieri esclusi dalla Commissione Elettorale (Angelo Vico, Gioia Masia, Pierpaolo Aiello e Massimiliano Bellotti, ndr) per il mancato raggiungimento delle deleghe necessarie per l'eleggibilità, ha giudicato l'iniziativa avanzata come inammissibile, come si legge sul Dispostivo n°067 pubblicato sul sito della FIGC. Pertanto domani, presso il Padiglione 9 della Fiera di Roma, la squadra presentata da Lardone durante la campagna elettorale potrà essere rappresentata solamente da Alessandro Torroni e Domenico Gaglio come candidati Consiglieri, e dal gruppo di Revisore dei Conti e Delegati Assembleari presentati ai club in questo ultimo mese. L'articolo del CdS citato nel dispositivo emesso dalla Corte d'Appello Federale è il n° 100 comma 2, relativo all'avvio del procedimento: “Salva diversa disposizione dello Statuto, le parti non possono stare in giudizio se non con il ministero di un difensore”. In parole povere Lardone e gli altri reclamanti non si sono avvalsi di un legale per affrontare il procedimento disciplinare, come invece viene indicato dal Codice di Giustizia Sportiva.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE