Cerca

L’INTERVISTA

Davide Lorusso: "Ostia merita tanto, sogno i Pro"

Il talento biancoviola si confessa parlando del passato al Trastevere, del presente all’Anco Marzo e del futuro…

18 Gennaio 2022

Davide Lorusso in gol (Ph. Alessandro Sanna)

Davide Lorusso in gol (Ph. Alessandro Sanna)

Sei anni al Trastevere impossibili da dimenticare ed ora la nuova avventura in D con la maglia dell’Ostiamare con cui, dopo un inizio difficoltoso, ha iniziato a fare la differenza come lui sa far bene: Davide Lorusso è un punto cardine dello scacchiere di mister Aldo Gardini e ci parla di tutto a 360 gradi.

Buongiorno Davide, sei stato inserito nella TOP 11 a cura di Gazzetta Regionale per quel che riguarda il girone d’andata. Sei contento di questo riconoscimento? Come giudichi la prima parte di stagione a livello personale e a livello collettivo di squadra? Ti senti di promettere qualcosa per la seconda parte della stagione a Società e tifosi?

"Buongiorno, sono molto contento e onorato per essere rientrato nei TOP 11. Per quanto riguarda la prima parte di stagione, non siamo partiti benissimo anche io personalmente, essendo una squadra nuova avevamo sicuramente tutti bisogno di tempo per conoscerci e trovare un nostro equilibrio. Siamo sempre stati una squadra forte e con il tempo lo stiamo dimostrando. Dobbiamo continuare su questa strada migliorando ogni giorno per fare qualcosa di importante. Il mio obiettivo e quello dell’intera squadra è fare un campionato importante puntando sempre in alto, con impegno e sacrificio sono sicuro che ci leveremo e daremo ai nostri tifosi e alla società grandi soddisfazioni, ce lo meritiamo tutti in particolar modo la società che non ci fa mancare niente e per questo ci tengo a ringraziarla".

Tu hai giocato diversi anni a Trastevere: chi ti è rimasto nel cuore tra dirigenti, staff e calciatori? Cita qualcuno spiegando la motivazione…

"Avendo giocando tanti anni al Trastevere sono rimasto legato a tutti, Presidente, Vicepresidente, Direttore e tutte le persone che sono state al mio fianco per tutti gli anni passati lì. Tutti i calciatori che ho incontrato mi hanno dato un qualcosa che porterò sempre con me. Se devo citare proprio qualcuno, mi sento di fare il nome di Stefano Tajarol, Marco Sfanó, Valerio Giordani, Paolo Capodaglio e Marco Neri oltre che compagni di squadra ho trovato in loro una grande amicizia che resterà sempre nel mio cuore".

In questi anni di carriera se dovessi scegliere dei gol che ti sono rimasti particolarmente in mente quali metteresti sul podio? Quali sono le tue ambizioni per il prossimo futuro?

"Ho difficoltà a rispondere a questa domanda, per me tutti i gol sono importanti non ho una ‘classifica’. Mi auguro di migliorarmi sempre di più ogni anno e di occupare palcoscenici sempre importanti, perché no anche nel professionismo".

I campionati nel Lazio sono attualmente di nuovo sospesi: cosa ti senti di dire a quei ragazzi che stanno perdendo la voglia e potrebbero allontanarsi dal mondo del calcio? Come ti senti di consigliare i più giovani?

"Penso che nella vita ci siano sempre i momenti no, bisogna fissarsi sempre degli obiettivi senza mai mollare. So che è un momento difficile per tutti ma sono certo che ne usciremo presto".

Quale è il sogno nel cassetto di Davide Lorusso calciatore e di Davide Lorusso uomo?

"Il mio sogno nel cassetto come calciatore è giocare a livello professionistico, come uomo è ambire sempre al meglio".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE