Cerca

L’INTERVISTA

Jody Fiorentini carica i suoi: "Pomezia, dobbiamo vincere ora"

Il centrocampista rossoblù è pronto per la grande sfida di domani contro la Lupa Frascati

10 Maggio 2022

Jody Fiorentini in azione (Ph. Torrisi)

Jody Fiorentini in azione (Ph. Torrisi)

Dopo il successo ai calci di rigore della Tivoli contro la Lupa Frascati, domani si torna in campo in Eccellenza con la fondamentale sfida tra Pomezia e Lupa con questi ultimi costretti a vincere per non abbandonare i sogni di Serie D. Se la vedranno contro il Pomezia di mister Scaricamazza, lodato dal suo centrocampista Jody Fiorentini.

Buonasera Jody, tu sei uno dei giocatori più rappresentativi del Pomezia: come arrivate al match che vi vedrà impegnati mercoledì contro la Lupa Frascati? Come la state preparando e cosa pensi di voi e dei vostri avversari?

"Mercoledì sarà una gara tosta e gagliarda ma sopratutto bella da giocare. In una partita secca può succedere di tutto, bisognerà stare attenti per 90 minuti e sbagliare il meno possibile. La stiamo preparando come tutte le altre gare, attenti e concentrati sui minimi dettagli, loro sono una squadra esperta e forte ma noi non siamo da meno".

Nel primo match tra Lupa Frascati e Tivoli ne è uscito una gara ricca di emozioni terminata ai calci di rigore: credi che possa ripetersi il copione anche con voi? Quanta voglia avete di conquistare sul campo la promozione in Serie D? Quali sono state le gare più importanti di questa stagione per voi a tuo avviso?

"Si credo che questo possa accadere di nuovo perché si scontrano comunque due prime della classe e già questo fa capire l’importanza delle due squadre. Noi siamo ben consapevoli della nostra forza e cercheremo comunque di vincerla sul campo essendo capaci di ragionare sempre e solo per un risultato: la vittoria. Altro non sappiamo fare".

In carriera hai incontrato tanta gente: quali sono Società, allenatore e compagni che non dimenticherai mai? Chi vuoi citare con cui hai mantenuto un rapporto extra calcio?

"L’allenatore Stefano Scaricamazza è uno su tutti visto che a distanza di molti anni è diventato anche qualcosa in più di un semplice mister. Lui è colui che mercoledì siederà in panchina con la stessa maglia, ovvero quella del Pomezia. Per quanto riguarda le società ho un bel ricordo di tutte, sarò stato fortunato ma sono sempre stato bene, il calcio mi ha dato diversi amici con la lettera maiuscola ma se devo citarne uno dico Masciarelli, mio ex compagno di squadra diversi anni fa con il quale si è instaurato un rapporto che va al di fuori del calcio".

Fare calcio in ambito regionale non è facile e soprattutto non garantisce un futuro illimitato: quanto credi sia importante costruisci qualcosa anche al di fuori in Ambito lavorativo? Tu vorresti restare in questo modo o hai già in mente altro per il futuro?

"Importantissimo direi: lavoro e gioco a calcio da diversi anni perché credo che un futuro sereno lo si costruisca giorno per giorno impegnandosi in tutto ciò che si fa. In futuro no, non credo di vedermi ancora in questo mondo".

Quale è il sogno nel cassetto di Jody Fiorentini?

"Vincere, ora".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE